Stoccafisso con patate

Ingredienti

  • 800g di stoccafisso ammollato
  • 500 g di patate
  • 40 g di pomodori maturi
  • uno spicchio di aglio
  • basilico
  • prezzemolo
  • una cipolla bianca
  • 3 cucchiai di olio e.v.o.
  • sale e pepe q.b.

Il procedimento

Ripulite lo stoccafisso da pelle e lische e tagliatelo a pezzi. Dopo avere inciso i pomodori con un taglietto alla base, tuffateli per mezzo minuto in acqua in ebollizione, passateli nell’acqua fredda quindi pelateli e spezzettateli, eliminando i semi.

Tritate finissimo lo spicchio d’aglio con un ciuffo di basilico e una manciatina di prezzemolo. Tritate la cipolla e fatela appassire dolcemente in un tegame a fondo pesante con l’olio. Quando è trasparente, e prima che prenda colore, unite lo stoccafisso: fatelo insaporire per qualche minuto nel soffritto, girandolo una volta.

Salate e pepate, di seguito unite i pomodori e il trito d’aglio e prezzemolo. Coprite e fate cuocere a fuoco dolce per un paio d’ore, unendo ogni tanto poca acqua calda e scuotendo il tegame.

Pelate le patate, tagliatele a dadi e sciacquatele; unitele alla stoccafisso, dopo la prima ora e mezza di cottura. Lasciate lo stoccafisso sul fuoco moderato, fino a quando le patate sono morbide. Verso la fine, assaggiate e regolate il sale.

Quale vino abbinare? Chianti classico da Verrazzano

Chianti classico da Verrazzano è un vino che proviene direttamente dal cuore del Chianti, la Val di Greve e rispecchia la migliore tradizione del territorio, con una lunga tradizione alle spalle. Dalla prima annata di produzione, il 1924 la  vendemmia è effettuata ancora a mano. È un Chianti che in gioventù si presenta di colore rosso rubino profondo con riflessi violacei; poi nel corso degli anni prende le classiche note granata. Il suo profumo è intenso, ricco di aromi fruttati, come la ciliegia e la mora, che si amalgamano a note floreali di rosa rossa. La nota speziata è dovuta al bacino calcareo proprio della Val di Greve.

Il gusto si presenta armonico ed equilibrato, di buona struttura, leggermente sapido con striature di rovere e con una componente tannica fine e dolce e gradevoli note di frutti rossi di bosco.

La storia del Castello da Verrazzano

Note di salute

Lo stoccafisso è un’ottima fonte di acidi grassi omega-3 a lunga catena: sono nutrienti importanti per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, per lo sviluppo fetale e per la protezione di tutte le membrane cellulari. Una porzione di questo piattone fornisce più del doppio del fabbisogno quotidiano.

Il piatto è anche un’ottima fonte di iodio (più del 100% del fabbisogno) e di selenio (91%) oltre che di Vitamina A ( da integrare con le verdure di contorno)e la vitamina B1 (da integrare con del pane, polenta o riso).

Lo stoccafisso è un pesce conservato mediante essiccamento: a differenza del baccalà il suo apporto di sale in genere non è eccessivo.

Questa è una delle ricette scelte dal sesto volume di “Cucina Toscana ricette e salute”, dedicato ai prodotti del territorio della valdera, Valdicecina, Empolese Valdelsa, Valdarno inferiore.

La curiosità

I prodotti a marchio Coop in tv: da Masterchef a Tadà

Scopri i prodotti a marchio Coop

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti