Carne a marchio Coop 100% italiana

Tenera e saporita, da animali nati, allevati e macellati in Italia.

È l’identikit della buona “ciccia” secondo chi fa la spesa. A confermarlo anche le indagini di mercato svolte dalla cooperativa, da cui emerge che soci e clienti scelgono la carne tenendo conto prima di tutto della sua morbidezza e della sua provenienza. Perché sapere da dove viene ciò che mettiamo nel piatto, dà una sicurezza in più. E in linea con le attese dei consumatori, adesso, in tutta la rete di Unicoop Firenze, l’intero assortimento della carne a marchio Coop arriva da animali nati, allevati e macellati in Italia.

Questo vale per pollo, tacchino, coniglio, avicunicolo, suino, vitello, scottona e ora pure per il vitellone Coop, l’ultimo a cui mancava una filiera totalmente nazionale. Una garanzia di origine che si aggiunge ai valori del “bollino” Coop: mangimi senza Ogm, rispetto del benessere animale con spazi più salubri e allevamento senza antibiotici, prescrizione che per il pollame vale fin dalla nascita e nei bovini è rispettata negli ultimi 4 mesi, in modo da azzerare i residui.

Tre “T”: tracciabilità, trasparenza e tenera

Una piccola rivoluzione impossibile dall’oggi al domani. Per questo risultato ci sono voluti tre anni di lavoro e un forte investimento della cooperativa, perché, per la carne rossa, in Italia non esisteva una rete di allevamenti capace di soddisfare le esigenze della grande distribuzione.

«Finora i bovini nascevano in Francia e poi venivano trasportati nei pascoli del centro-nord Italia: parliamo di quasi un milione e mezzo di animali l’anno – spiega Carlo Calusi, business manager carni e pesce Coop.fi -. Oggi, invece, siamo in grado di garantire che tutta la carne a marchio Coop nei nostri punti vendita sia 100% italiana. È una risposta alle richieste di soci e clienti, da sempre attenti alla tracciabilità».

Ma non è solo una questione di etichetta. Il progetto ha individuato sei fornitori nazionali, dove far crescere nuove mandrie, e ha puntato sull’innovazione. «Nel caso del vitellone, gli incroci tra varie razze hanno permesso di avere animali non di grossa taglia e dalla carne più tenera, oltre che italiana» aggiunge Calusi.

Nati in Italia

La nascita degli animali nel nostro Paese permette un controllo diretto sui primi momenti di vita. I bovini ad esempio sono “svezzati”, ossia passano in modo graduale dal latte della madre al pascolo e alla nutrizione con foraggi selezionati: è necessario un tempo maggiore, ma questa scelta è più rispettosa dei tempi naturali di sviluppo e si riflette sulla qualità del prodotto.

Come cambia il carrello

La bianca continua a piacere, ma la bistecca si prende una bella rivincita. L’emergenza sanitaria muta le abitudini di acquisto nei Coop.fi. Certo, pollo e tacchino vanno ancora forte nel carrello della spesa, ma negli ultimi mesi c’è stata qualche sorpresa.

Le famiglie passano più tempo a casa e ai fornelli, così aumentano gli acquisti del macinato per ragù e polpette. E, fra i tanti tagli, quello a cui non si rinuncia mai è la fiorentina che, negli ultimi mesi, ha registrato un aumento di vendite: perché, se non puoi andare al ristorante, fai che la tua cucina diventi un buon ristorante.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti