Ride il telefono

Le regole d’oro per scegliere il miglior operatore

Giga o non giga? Minuti illimitati o no? Offerte, promozioni, decine di operatori mobili e centinaia di piani tariffari diversi. I mille dilemmi del telefonino. Per stilare un vademecum a prova di cellulare abbiamo preso come riferimento CoopVoce, che conta 1,3 milioni di clienti con una copertura del 99,8% del territorio nazionale e con offerte in 4G.

Trasparenza e privacy

Prima regola d’oro: sapere cosa stiamo pagando e soprattutto che fine fanno i nostri dati personali. Oggi, infatti, sono il vero tesoretto per le società di marketing che su nomi, cognomi e numeri di telefono fanno mercato e si danno quotidianamente battaglia. Quindi: se non sono chiare le informazioni sulla privacy e ciò che stiamo acquistando, meglio chiedere spiegazioni o guardare altrove.

Con CoopVoce: tra le garanzie per il consumatore, CoopVoce non cede i dati dei clienti ad altre società. Secondo il mensile “Altroconsumo” è l’operatore mobile più trasparente del Paese, grazie alle informazioni tempestive ed efficaci date in punto vendita (29 i Coop.fi dove è possibile attivare la sim) e dal call center con sede in Italia e gestito direttamente.

Convenienza

Le tariffe vanno scelte in base alle proprie abitudini, sapendo quanto telefoniamo e di quanti Giga abbiamo bisogno per internet. Secondo l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni gli italiani consumano in media 4,27 GB al mese, ma per chi usa solo social e WhatsApp ne bastano tre.

Con CoopVoce: le tariffe sono convenienti e si adattano alle diverse esigenze: tutto incluso per chi naviga dal cellulare o pacchetti base per telefonate e sms, fino alle tariffe senza scatto alla risposta per pagare solo quello che si consuma. Se si utilizzano i punti spesa, i vantaggi aumentano e anche il valore in denaro dei punti: con le “ricariche premiate” acquistate alla Coop, 350 punti corrispondono a 5 euro di traffico e 650 a 10 euro.
Non si resta mai a secco attivando la ricarica automatica, che scatta quando il credito scende sotto una soglia prestabilita: nel caso si usino i punti, questi valgono doppio: 250 punti per 5 euro.

No ai costi nascosti

Attenti ai trucchetti mangia-credito. Non sempre il pacchetto “tutto incluso” è veramente tale: alcune compagnie fanno lievitare i costi mettendo a pagamento servizi di uso comune, come l’sms che avvisa quando qualcuno ci ha cercato mentre il cellulare era spento.

Con CoopVoce: gratuiti i servizi sms Lo sai di Coop (per sapere chi ci ha cercato quando eravamo irraggiungibili) e Chiama ora (che avverte via sms quando un numero CoopVoce è di nuovo disponibile). In più, per evitare sorprese, i servizi a sovrapprezzo in cui è possibile incappare sul web sono bloccati. E in Europa? CoopVoce è una delle poche compagnie che consente di usare tutti i Giga del piano tariffario senza limitazioni anche in Ue.

Più pedali, più navighi

Meno traffico sulle strade, più traffico dati sul cellulare: CoopVoce premia chi sale in sella per spostamenti sostenibili. Basta scaricare sullo smartphone l’app Vivibici e ogni chilometro percorso al giorno in bicicletta viene trasformato in 10 megabyte per connettersi al web dal telefonino fino a un massimo di 3 Giga al mese. Un servizio che promuove le buone pratiche ambientali facendo risparmiare.

Scopri le promo CoopVoce

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti