Di padre in figlio. L’azienda vinicola Le Sughere

L'azienda elbana produce circa 70mila bottiglie di vino l'anno, è uno degli oltre 700 fornitori locali di Unicoop Firenze

Di padre in figlio l’azienda vitivinicola elbana Le Sughere è passata da realtà amatoriale ad azienda strutturata che produce circa 70mila bottiglie all’anno, ma sempre con la stessa filosofia: un prodotto di qualità che porti sostegno anche all’economia dell’Isola d’Elba.

«Mio padre Virgilio – racconta Aldo Appiani, titolare dell’azienda – ha iniziato l’attività alla fine degli anni ‘70 a livello amatoriale con una produzione di circa 8mila bottiglie all’anno. Negli anni ‘90 sono subentrato io e ho cercato di strutturare meglio l’azienda con l’aiuto di sette dipendenti, per arrivare alla produzione attuale di circa 70mila bottiglie all’anno suddivise tra bianco, rosso e passito e aprendo anche una struttura agrituristica. In tutto 35 ettari sul Monte Fico nel comune di Rio, cuore minerario della parte orientale dell’Isola d’Elba; di questi, 8 sono coltivati a vigneti e disposti su terrazzamenti collinari ricchi di materiale calcareo e di minerali, digradanti verso il mare da un lato e, dall’altro, a ridosso del manto boschivo di sughere, pini e macchia mediterranea che ricopre il Monte Fico. Questa felice posizione naturale caratterizza i profumi e i sapori delle uve e quindi dei vini che raggiungono la massima espressione nei passiti».

Tradizione e tecnologia

La cantina fonde insieme l’antica tradizione dei vigneti autoctoni dell’isola con le moderne tecniche di vinificazione, proponendo prodotti di punta quali, appunto, i vini da dessert, dove il dolce derivante dall’elevato tenore zuccherino si mescola con i profumi dei frutti di bosco. «Il rosso – continua Appiani – è fatto in purezza, solo con uve Sangiovese, ma il punto di forza sono i bianchi, circa 40mila bottiglie prodotte ogni anno».

L’Aleatico, invece, viene prodotto in circa 8mila bottiglie ed è un vino particolare grazie alle caratteristiche del terreno collinare, mineralizzato e vicino al mare. Entrambi, insieme al bianco, sono disponibili nei Coop.fi -. «Tengo molto al legame con il territorio e cerco di realizzare prodotti di qualità che possano aiutare anche l’economia dell’isola, utilizzando solo uve autoctone» aggiunge.

A proposito dei vini dell’isola, se l’Ansonica passito è il più antico vino elbano, importato dai greci, l’Aleatico, dal profumo di rosa e amarena, è il più tipico. Il Procanico, l’Ansonica e il Vermentino mescolati in giusta proporzione danno origine a vini bianchi dal profumo intenso, mentre il buon corpo e il sentore lievemente erbaceo del Sangiovese per il rosso trovano la loro naturale esaltazione nell’affinamento in legno.

A spasso fra le miniere

Per chi arriva in questa parte dell’Elba, oltre alla visita all’azienda, da cui si gode un panorama incantevole, è consigliato un passaggio al Parco minerario di Rio, nato nel 1991: un “parco all’interno di un Parco”, quello dell’Arcipelago Toscano, da esplorare a piedi, in bici o a bordo di un trenino, attraverso un paesaggio surreale, in un giardino di fiori minerali, ripercorrendo le vecchie strade ferrate e le storie di quegli uomini che lo hanno vissuto, che ci hanno lavorato e che lo hanno trasformato.

La prima Doc

Napoleone Bonaparte fu un sostenitore del vino elbano, perché nel 1809 lo equiparò a quelli francesi, eliminando le tasse di pedaggio dotandolo di un certificato di origine, che diventò la prima Doc elbana.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti