Racconti sull’Arno

Le testimonianze di Gian Vitaliano Mazzoli, per tutti Bibi, 90 anni voce storica della Società Canottieri di Firenze e Federico Dini, 19 anni, studente di ingegneria e promessa del canottaggio

L’Arno di “Bibi”

Gian Vitaliano Mazzoli, per tutti Bibi, il fiume Arno lo conosce e lo frequenta da aveva 4 anni. Oggi, che ne ha 90 compiuti lo scorso marzo, è la voce storica della Società Canottieri di Firenze: “Ho sempre vissuto in riva d’Arno, abitavo qui vicino e già da bambino venivo con mio cugino  racconta “Bibi” – Mi ricordo quando nel fiume si pescava e quel pesce era commestibile, c’erano lasche e cavedani. Oggi, invece, bisogna stare attenti ai siluri. E anche il colore del fiume è cambiato”. Oltre ai pesci, l’Arno in passato era anche popolato da talpe: “Mi ricordo una sera che stavo pescando e una talpa mi rubava i formaggio che usavo come esca. Dopo le talpe sono arrivatele nutrie”.

Gian Vitaliano Mazzoli, Bibi. Foto Simone Ducci

Bibi, che ha la tessera dei Canottieri dal 1949 e la custodisce gelosamente, ricorda i tempi in cui la vita di Firenze ruotava ancora di più intorno all’Arno e qualche volta fra Canottieri e renaioli scoppiava qualche litigio: “Prima in Arno c’erano i renaioli, che prendevano la rena dal fondo del fiume e capitava che lasciassero dei pali ficcati nel terreno, in cui ci imbattevamo con le canoe. Un paio di volte quei pali mi hanno fatto cadere e gli amici mi hanno dovuto ripescare”. Il fiume come compagno di vita, amico, ma anche minaccia: “Non sto a raccontarvi dell’alluvione del 1966 – dice Bibi – dopo una vita che l’ho vissuto dal basso, è stato impressionante vedere dal piazzale Michelangelo il fiume che aveva invaso la città”.

Sulla salute dell’Arno, Bibi è preoccupato: “Non sono tanto i rifiuti che galleggiano che mipreoccupano, anche se ogni tanto alcune buste di plastica si vedono sul pelo dell’acqua, ma la situazione del fondo. Ci vuole rispetto delle nostre acque e non tutti ce l’hanno. Fortunatamente le nuove generazioni, vedo la mia nipotina, sono molto attente all’ambiente: l’altro giorno stavo buttando un piatto che credevo di plastica, vedeste come mi ha rimproverato perché era biodegradabile e dovevo metterlo nell’umido!”.

Dederico Dini. Foto Simone Ducci

Federico, l’Arno e la sua canoa

Federico Dini ha 19 anni, è al primo anno di Ingegneria ambientale e soprattutto è una promessa del canottaggio. Ha già partecipato a competizioni nazionali ed è arrivato ai mondiali, grazie alla Società Canottieri e alla sua passione per lo sport.

“Ho cominciato per caso, facendo un centro estivo, adesso la canoa potrebbe essere il mio futuro”. Vogare gli permette di vivere l’Arno a 360 gradi e di vedere Firenze da tutto un altro punto di vista: “La città vista da qui è bellissima, è un’esperienza che tutti dovrebbero fare. Anche se dal basso assistiamo anche a diversi atti di inciviltà. Credo che servirebbero delle regole più ferree per chi inquina, che vuol dire gettare i rifiuti dalla spalletta, che poi arrivano nel fiume e da lì nel mare, fino a venire ingeriti dagli animali. Ma sono convinto che servirebbe anche un diverso approccio a livello internazionale: vedo i giovani che manifestano e credo che sarebbe meglio impedire ai grandi paesi inquinanti di continuare a mettere in pericolo il pianeta”.

Sull’ambiente, lo trova talmente interessante che lo sta studiando, sul fiume, che è il suo campo di allenamento e su cui passa diverse ore al giorno, crede “che sia un po’ un luogo comune dire che l’Arno è sporco, anche se sicuramente potrebbe essere più pulito”. Parola di chi lo scorso primo gennaio, ci ha fatto anche un tuffo.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti