Il momento è adesso

Cinquecento persone ieri al Cinema Odeon per la presentazione dei progetti de Il Cuore si scioglie 2020. In anteprima nazionale la proiezione del film "Nour" di Maurizio Zaccaro, con la partecipazione straordinaria del medico di Lampedusa Pietro Bartolo, cui il film è ispirato

Tante emozioni e tutto esaurito ieri al Cinema Odeon di Firenze. Cinquecento le persone presenti per assistere alla presentazione dei progetti 2020 della Fondazione Il Cuore si scioglie, al termine della quale è stato proiettato in prima nazionale il film “Nour” di Maurizio Zaccaro, ispirato alla storia di Pietro Bartolo, per molti anni medico a Lampedusa, ora europarlamentare, ieri tra gli ospiti della serata.

…mettici il cuore!

Colpo di scena iniziale con lo svelamento delle opere protagoniste della campagna di street art che da dicembre fino al 12 gennaio invaderà Firenze per raccontare i nuovi progetti della Fondazione, uomini e donne che con il loro impegno stanno cambiando o hanno cambiato il corso della storia. A realizzarle le Lediesis, street artist che continua a mantenere l’anonimato.

La prima opera già strizza l’occhio in via de’ Cerretani tra la curiosità dei tanti passanti che si soffermano a guardarla, scattano una foto con il cellulare, o si fanno un selfie. Raffigura Martin Luther King, sue le frasi “I have a dream” e “Now is the time“, pronunciate in quel lontano 1963, un invito ad agire, per un mondo più giusto.

Altre sei opere usciranno nei prossimi giorni. Scattate una foto ad un’opera e condividetela su Facebook e Instagram con l’hashtag #ilmomentoèadesso.Se sarete tra i primi 20 riceverete una copia dell’opera in digitale e una cartolina a edizione limitata del personaggio, che i Postini Fiorentini spediranno gratuitamente a chi vorrete.

Visita la mappa e scopri dove sono le opere

Natale insieme

Primo tra i progetti presentati “Natale insieme”: dal 1° al 24 dicembre donando alle casse dei Coop.fi 1 euro o 100 punti della Carta Socio si potrà contribuire alla raccolta fondi per offrire un pasto caldo alle persone che in Toscana vivono in condizioni di povertà.
La Fondazione Il Cuore si scioglie raddoppierà quanto raccolto.

“I bisogni sono sempre crescenti, e non riguardano solo gli stranieri, ma anche gli italiani, l’amico della porta accanto. Donare un pasto caldo è importante, ma al di là del valore del cibo rappresenta anche un modo per aiutare le persone ad uscire dalla loro solitudine” – afferma Don Fabio Marella, vicedirettore Caritas diocesana di Firenze.

La cultura del dono

“Molti ragazzi non avevano mai visto il mare” – afferma Mario Cappella, presidente Comunità Fondazione San Gennaro di Napoli, parlando dei ragazzi coinvolti nel progetto educativo contro la dispersione scolastica nel Rione Sanità, che ha permesso a molti giovani di contrastare la camorra con le armi della cultura e della cura del territorio.

Nelle case canoniche del quartiere oggi sono ospitate una scuola di musica, un doposcuola, una scuola di boxe, un’inziativa di “turismo coccolato” – come lo chiama Mario – per promuovere il turismo nel quartiere e farne riscoprire la bellezza delle cose e delle persone che lo vivono.

Tutto questo è stato reso possibile grazie ai fondi raccolti anche con Il Cuore si scioglie, ma soprattutto all’impegno di tanti giovani che ogni giorno condividono le loro competenze e la loro cultura per cambiare il loro quartiere e farlo rinascere perchè alla fine “è bello vivere qua” – come conclude uno dei giovani, oggi guida turistica del quartiere.

Il momento è adesso

Una storia di folli

La pazzia a volte non è altro che la ragione presentata sotto diversa forma“, ha scritto Goethe. “Una storia di folli” – così Michele Albanese, giornalista sottoscorta, definisce nel video di presentazione del progetto della Fondazione Il Cuore si scioglie in Calabria proiettato ieri all’Odeon la scelta dei ragazzi della Valle del Marro di costituire la Cooperativa per coltivare i terreni confiscati alla mafia, una follia intrisa di grande coraggio, quello di ribellarsi alla mentalità mafiosa del territorio, restare nella loro terra, e scegliere ogni giorno la strada della legalità. La Fondazione Il Cuore si scioglie con Unicoop Firenze sostengono da anni la Cooperativa.

L’iniziativa del 2020 prevede il finanziamento di borse lavoro ai migranti impiegati nella raccolta degli agrumi sui terreni confiscati alla ‘ndrangheta nella Piana di Gioia Tauro.

Non solo Italia

L’impegno de Il Cuore si scioglie prosegue anche nel Mondo: in Siria a sostegno dei bambini e delle bambine di Aleppo, in Mozambico con l’Associazione Sole onlus e Waxmore per realizzare un laboratorio di sartoria, in Benin dove in primavera sarà inaugurato il panificio a Lokossa.

Scopri di più su www.ilcuoresiscioglie.it

Per ricevere le notizie ogni settimana
* campi obbligatori

Informativa sulla privacy

Lasciando la tua email autorizzi Unicoop Firenze sc a inviarti la newsletter e dichiari di aver letto l’informativa sulla privacy.