Abbraccia l’acquedotto del Nottolini

Al via il crowdfunding a Lucca, per contribuire al restauro e alla riqualificazione del Tempietto di San Concordio posto a conclusione dell'Acquedotto del Nottolini. Si può contribuire alla raccolta fondi fino all'8 novembre

Prende il via il crowdfunding Abbraccia l’Acquedotto del Nottolini, promosso da Unicoop Firenze e dalla sezione soci Coop di Lucca per sostenere il restauro e la riqualificazione del Tempietto di San Concordio posto a conclusione dell’Acquedotto del Nottolini, il “regio” architetto che ha portato l’acqua a Lucca.

Il Tempietto, che ha varie finalità, da quella di dare stabilità e compimento ai 459 archi dell’acquedotto, alla funzione idraulica, visto che funzionava come collegamento fra vasca di decantazione e condotte forzate, fino a quella decorativa e monumentale, accusava i segni del tempo e un’attenta opera di restauro si è resa negli anni indispensabile.  

Nasce così la raccolta fondi “Abbraccia l’Acquedotto del Nottolini”, sostenuta da Unicoop Firenze e promossa dalla sezione soci Coop di Lucca, con l’obiettivo di valorizzare l’opera del Nottolini e la Lucca delle Acque,coinvolgere tutti i lucchesi con iniziative dedicate al patrimonio storico ed artistico della città e finanziare la riqualificazione del Tempietto di San Concordio.  

Fra le iniziative, un ampio calendario di visite guidate e attività con le scuole.

Come contribuire

Si potrà contribuire:

  • alle casse dei Coop.Fi donando alle casse almeno 1 euro o 100 punti della Carta Socio, la cooperativa raddoppierà quanto donato con questa modalità.
  • online su Eppela  
  • tramite bonifico bancario IT 52 I 01030 02800 000063330513 – Banca Monte dei Paschi di Siena – intestato a Unicoop Firenze sc.Banca Monte dei Paschi di Siena – intestato a Unicoop Firenze sc. Causale: “Abbraccia l’acquedotto del Nottolini”.
  • partecipando alle iniziative che saranno organizzate sul territorio.

Un patrimonio di tutti

“La campagna «Abbraccia l’Acquedotto del Nottolini», è una raccolta fondi popolare che si prefigge più obiettivi. Il primo è contribuire al restauro e alla riqualificazione del Tempietto posto a conclusione dell’Acquedotto del Nottolini. Il secondo obiettivo è la partecipazione, la mobilitazione, con una serie di collaborazioni ed eventi per far conoscere ai lucchesi e non solo l’importanza dell’opera di Lorenzo Nottolini – dichiara Daniela Mori, presidente del Consiglio di Sorveglianza di Unicoop Firenze – La nostra campagna coinvolgerà i nostri soci, tutti i cittadini, con un’attenzione particolare per i più giovani. Lavoreremo con le scuole e con tutti i soggetti del territorio. La tutela del paesaggio e del patrimonio artistico della Nazione è scritta nella Costituzione. Con questa iniziativa concorriamo a renderla concreta”.  

“L’acqua a Lucca è il Nottolini. L’acquedotto con le sue imponenti arcate, i tempietti cisterna e le numerose ed eleganti fontane all’interno della cerchia muraria urbana, è l’essenza stessa della città e ricopre per i lucchesi un profondo valore identitario – afferma Maria Fortini, presidente della sezione soci Coop di Lucca – da qui, sollecitata direttamente dai nostri soci e in concomitanza con gli interventi di recupero del monumento da parte dell’amministrazione comunale, nasce la nostra idea di una serie di iniziative intorno alla figura del Nottolini e al suo acquedotto, che si completano con la raccolta fondi per il restauro del Tempietto di San Concordio, ormai provato dal tempo”.

“La modalità della raccolta fondi partecipata è fondamentale perché tutti possano tornare a riappropriarsi dell’opera del Nottolini, – prosegue la presidente della sezione soci Fortini – a farsi ambasciatori del suo lavoro e di quello che ha rappresentato per la città e per la comunità. A questo proposito, fra le diverse attività da noi organizzate ci saranno visite guidate in città, percorsi scolastici per i più giovani, eventi musicali e teatrali in luoghi significativi di Lucca e una pubblicazione dedicata a tutti coloro che vogliono scoprire la storia delle acque di Lucca attraverso le parole del suo primo cittadino, che la sezione soci Coop ringrazia sentitamente”.  

“Il restauro e la conservazione di un’opera così grande e importante come l’acquedotto di Nottolini – dichiara il sindaco di Lucca, Alessandro Tambellini – esige uno sforzo notevole, ma necessario a consegnare questo bene architettonico e paesaggistico alle future generazioni. Il ricco patrimonio della nostra città si mantiene infatti soltanto grazie al contributo di tutti. Ringrazio per questo Unicoop Firenze e la sezione dei soci Coop di Lucca per la bella iniziativa che dà modo ai cittadini di partecipare a un grande progetto culturale su un monumento identitario per la città, un simbolo dell’amore per l’ambiente e della responsabilità verso le risorse naturali come l’acqua e il verde”.  

Le attività sul territorio

Camminata urbana alla riscoperta di Lucca e della figura di Lorenzo Nottolini

Fra le attività, la sezione soci di Lucca organizza la camminata urbana “Un architetto per una città: Lucca e Lorenzo Nottolini“, in programma dall’11 giugno al 19 settembre 2021, con ritrovo e partenza in piazza Antelminelli, presso Ingresso Auditorium Banca del Monte con il seguente orario: alle 21 del venerdì, alle 17.30 del sabato e alle 9.30 della domenica. Durata: 2 ore, contributo di 5 euro a favore del progetto Abbraccia l’Acquedotto del Nottolini.  

La zona della Lucchesia è da sempre associata all’acqua, bene prezioso ed essenziale, elemento che più di ogni altro ne contraddistingue il territorio, ricco di fonti idriche. Proprio questo vitale elemento è ciò che maggiormente caratterizza anche la città di Lucca, a partire dal suo nome, che significava appunto “terreno paludoso”.

La passeggiata all’interno delle mura della città, sorta sulla riva sinistra del fiume Serchio, aiuterà a comprendere il suo rapporto con l’acqua e farà conoscere la figura emblematica e l’opera di Lorenzo Nottolini. Ingegnere, architetto, urbanista, interprete della città e della Lucchesia, con i suoi lavori Nottolini è riuscito a trasformare il territorio senza stravolgerlo, comprendendolo e sfruttandone le potenzialità.

Il percorso, con partenza da piazza Antelminelli, toccherà tutte le fontane monumentali da lui progettate e/o realizzate, fino a raggiungere il Tempietto di San Concordio, che fa parte della sua opera più grandiosa, l’Acquedotto Monumentale, che da secoli si intreccia e dialoga perfettamente con il contesto territoriale. Un percorso particolare, nella Lucca del 1800, assolutamente da non perdere.  

Calendario completo delle iniziative su: www.coopfirenze.it/abbraccialacquedottodelnottolini

I crowdfunding: uno strumento di partecipazione  

Unicoop Firenze sui diversi territori ha già portato avanti campagna di crowdfunding simili a quella che viene promossa, a partire da oggi, per il Tempietto di San Concordio. Soci e clienti della cooperativa si sono già impegnati per il restauro del Battistero di Firenze, della Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno a Pisa, del Duomo di Volterra e della Fontana dei Leoni ad Empoli.

In queste settimane è attivo anche il crowdfunding Parterre Luogo di Tutti per il recupero del Pantheon degli uomini illustri di Pistoia. Tutte le campagne finora concluse sono state accolte con grande entusiasmo ed hanno raggiunto l’obiettivo. 

Le iniziative nelle scuole  

L’arte parla un linguaggio universale che non è solo nei musei, ma nel paesaggio e nelle strade. Leggere questo patrimonio dal punto di vista civico vuol dire capire le opere d’arte come beni comuni di ogni cittadino, potenziando il legame con il territorio e la comunità.

Per questo fra le iniziative legate alla campagna Abbraccia l’Acquedotto del Nottolini sul territorio sono previsti anche percorsi educativi per tutte le scuole della città. 

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti