Autunno in giardino

I lavori da fare per assicurarsi piante in salute a primavera

Novembre, un mese di passaggio, che ci accompagna nell’autunno inoltrato; le giornate divengono più brevi, i ritmi della natura rallentano, la Terra si prepara al riposo e alla quiete dell’inverno. Nonostante quest’atmosfera di maggior calma, le operazioni da compiere in questo periodo in giardini, orti e terrazzi sono molte e tutte utili.

Un lavoro da non tralasciare è la raccolta delle foglie cadute e ormai secche: le utilizzeremo per la cosiddetta pacciamatura, magari unite a paglia, corteccia o altri residui vegetali, per proteggere le radici delle piante che mal tollerano le basse temperature. Disponendo il pacciame con cura – per esempio, sotto un ibisco o un gelsomino – aiuteremo la pianta a ripartire in buona salute a primavera.

Ai primi freddi

Per tutte le piante che vivono in vaso e hanno bisogno di essere riparate dal freddo, come gli agrumi o l’aloe, è invece giunto il momento di trasferirsi! Le possiamo ospitare in una piccola serra o sotto un loggiato, così che i venti freddi e le gelate evitino di danneggiarle. Approfittiamo per verificare lo stato di manutenzione dei supporti delle piante rampicanti, rinforzandoli se necessario; e magari con del tessuto non tessuto, reperibile ovunque a un costo minimo, copriamo quelle specie particolarmente sensibili al freddo, avendo cura anche di riempire lo spazio fra il tronco e il muro con della paglia. È il momento adatto per svuotare i vasi dalle piantine annuali, come petunie o pervinche: così faremo ordine e a primavera saremo già pronti per i trapianti dei nuovi fiori. Scuotere con cura le radici su un telone ci permetterà di recuperare il terriccio ancora buono, che una volta rigenerato al sole, e magari miscelato con del nuovo substrato, sarà utile per altre colture.

Un nuovo aspetto al giardino

Questo mese è molto indicato anche per riprogettare l’aspetto del terrazzo o del giardino. Forti dell’esperienza fatta dei successi (o insuccessi) ottenuti, potremo valutare dove intervenire per arricchire, o semplificare, la gestione dello spazio verde. Potremmo decidere di dedicare del tempo alla coltivazione di qualche specie orticola e anche se non abbiamo un terreno si possono utilizzare contenitori ampi che ben si prestano a questo scopo. Qualora decidessimo di impiantare nuove essenze, novembre è il periodo ideale. Qualsiasi pianta posta a dimora adesso avrà tutto il tempo, durante l’inverno, complice il riposo vegetativo, di adattarsi al nuovo ambiente.

Anche per gli alberi da frutto questa è la stagione perfetta per effettuare l’impianto in piena terra. Se lo spazio non è tantissimo, scegliamo la specie che più ci piace, magari privilegiando frutti antichi e autoctoni che meglio reagiranno alla coltivazione amatoriale. In una grande buca, sul cui fondo metteremo sassi e un bello strato di concime, si pone l’alberino, che a primavera sarà forte e pronto a vegetare. Anche nel caso volessimo impiantare un prato, è questo il mese in cui abbiamo l’occasione di poter preparare il terreno e correggerlo, se necessario, per ottimizzare la crescita dell’erba in primavera.

Per assicurarsi belle fioriture primaverili, entro metà novembre, se il terreno non è gelato, si mettono a dimora bulbi di specie come i narcisi o i tulipani. Dopo averli interrati, si copre il terreno con una buona pacciamatura per proteggerli dal gelo e mantenere il terreno umido. Anche un solo vaso che li contenga potrà donarci il piacere di vederli poi sbocciare coi loro splendidi colori.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti