Toscana per scelta: Cristiana Dell’Anna

L'attrice si racconta da Santa Fiora al successo planetario di Netflix

Sguardo intenso e sorriso irresistibile, qualcuno in Italia la ricorderà tener testa ai boss della malavita in Gomorra, mentre nel resto del mondo, sì del mondo, la conoscono perun film che è da poco uscito su Netflix, battendo tutti i record di visualizzazioni, e che si chiama proprio – sembra un destino, per lei – Toscana.

Cristiana Dell’Anna ha scelto la Toscana per amore, non di una persona, ma di uno dei molti borghi affascinanti e poco battuti dalle rotte del turismo: Santa Fiora (GR), ai piedi del monte Amiata. Fra i boschi, il silenzio, il ricordo dell’esperienza mistica e politica di Davide Lazzaretti, che in quei luoghi fu attivo predicatore alla fine del XIX secolo, chiamato per questo il “Cristo dell’Amiata”. Un luogo affascinante, da cui Cristiana Dell’Anna è stata immediatamente conquistata.

Nata a Napoli, è cresciuta professionalmente a Londra, studiando Shakespeare la mattina e servendo cocktail la sera. È tornata in Italia per interpretare la terza stagione di Gomorra, in cui interpreta Patrizia, donna forte e determinata. È stata scelta da Mario Martone per interpretare Luisa De Filippo in Qui rido io, presentato alla “Mostra del cinema” di Venezia lo scorso anno. Quando non lavora, si rifugia in Toscana, insieme al marito Emanuele, napoletano come lei. Un ragazzo vitale, dal sorriso aperto: come lei, innamorato di questa regione. Si sono sposati a Siena il 1° settembre 2018 e vivono, tutto il tempo che i rispettivi lavori lasciano loro, alle pendici dell’Amiata.

Cristiana, come mai proprio Santa Fiora?

È stato un colpo di fulmine: ho visto quei luoghi, ho sperato di poterci vivere un giorno. Ho guardato, senza troppa speranza, gli annunci delle agenzie immobiliari. C’era un casale che si era liberato, non grande, ma adatto a noi. Emanuele, che lavora su progetti europei legati alle energie rinnovabili, può fare il suo “ufficio” dovunque abbia un computer. Io ho scoperto che stare lì mi libera dalle tensioni. E che tutto il mondo è raggiungibile.

Il caso poi le ha offerto un film proprio in Toscana…

Quella è stata la cosa più bizzarra della mia vita! Mi ero trasferita da poche ore, quando squilla il telefono: mi propongono un film internazionale in Toscana. Abbiamo girato in una tenuta a Pelago, e ho considerato questa proposta un segno del destino.

Ha poi scoperto di avere molti vicini di casa importanti.

Sì: praticamente nella collina di fronte ha scelto di vivere una delle attrici italiane che adoro da sempre, Laura Morante (nata a Santa Fiora, ndr). Da queste parti abitava anche Andrea Camilleri. E a Grosseto ho incontrato un bravissimo regista, Francesco Falaschi – l’autore di Quanto basta -, con cui mio marito sta lavorando per un documentario. A Castiglione della Pescaia vive, ormai per la maggior parte dell’anno, il regista Giovanni Veronesi. La Toscana piace, e l’Amiata è un territorio meraviglioso. È una terra che ha una storia forte, come quella di Davide Lazzaretti, che fondò una sua religione “sociale” proprio in Maremma, legando utopie socialiste, cristiane e aspirazione a una vita più pura.

Anche lei ha interpretato, negli Stati Uniti, una figura religiosa: una santa, Francesca Saverio Cabrini. Chi era?

È stata la prima donna americana dichiarata santa: nata in Italia, è vissuta a cavallo fra Otto e Novecento, ed è stata una donna coraggiosissima. Viaggiava fra Europa e America, teneva conferenze, raccoglieva fondi per costruire ospedali, scuole, orfanotrofi. Una Madre Teresa di Calcutta di fine Ottocento, negli Stati Uniti. Martin Scorsese avrebbe voluto fare un film su di lei già negli anni ‘70: poi il progetto non è andato in porto. Ma a me è toccato l’immenso onore di rappresentare, al cinema, questa donna.

Come si chiamerà il film?

Semplicemente Cabrini, o forse Madre Cabrini. È diretto da Alejandro Gómez Monteverde, un regista messicano. Ti rivelo un segreto: papa Francesco ha voluto vedere le prime sequenze del film, e in via ufficiosa se ne è dichiarato entusiasta. Io sento la responsabilità e il grande onore di raccontare la storia di questa donna, talmente importante che, in Colorado, il Columbus day è diventato il Cabrini day.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti