Coop.fi: 100 mila euro a sostegno di 14 Centri antiviolenza in Toscana

È il risultato dell'iniziativa "La buona spesa è buona due volte" nei supermercati Coop.fi fino al 25 novembre. Acquistando uno dei 40 prodotti toscani scontati si sono sostenute le associazioni che aiutano le donne vittime di violenza.

Già 100.000 euro e oltre 157.000 pezzi venduti con lo sconto del 25%. A poco più di 24 ore dalla chiusura della campagna “La Buona Spesa è buona due volte”, Unicoop Firenze registra una grande partecipazione all’iniziativa che si pone l’obiettivo di sostenere i centri antiviolenza della Toscana. A loro sarà devoluto il 25% del ricavato della vendita di quaranta prodotti di fornitori toscani scontati del 25% fino al 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

In pratica il meccanismo ha coinvolto il cliente, che ha scelto il prodotto toscano aderente alla campagna, e la cooperativa, che si è impegnata a donare alle associazioni l’equivalente di quanto il cliente risparmia.  

I centri antiviolenza che riceveranno i contributi sono: La Nara (Prato), Artemisia (Firenze), Donneinsieme Valdelsa (Siena), Libere tutte (Pistoia), Frida Kahlo (Pisa), Associazione Donna chiama donna (Siena), Aiuto donna Lilith (Firenze), L’una per l’altra (Lucca), Pronto donna (Arezzo), Donna Amiata Val d’Orcia (Siena), Amica donna (Siena), Casa della donna (Pisa), Luna (Lucca) e Aiutodonna (Pistoia).

L’elenco dei prodotti comprende diverse tipologie. Fra i prodotti più acquistati e che più hanno contribuito a far crescere le donazioni alle associazioni: Pasta Tosca, con oltre 40.000 confezioni vendute, la salsiccia toscana con oltre 21.000 confezioni vendute, i ravioli (oltre 17.000), i cantuccini (quasi 13.000) e le focaccine surgelate (oltre 12.500). 
Inoltre in questo periodo tutti gli scontrini riportano il 1522, numero gratuito e attivo 24 h su 24 che accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Ringrazio Unicoop Firenze per questa iniziativa che sostiene i produttori locali ed i centri antiviolenza toscani impegnati nel contrasto della violenza di genere. La strada è ancora lunga, ma è fondamentale percorrerla tutte e tutti insieme, perché la violenza fisica, ma anche quella psicologica che spesso non si vede, è un fenomeno ancora drammaticamente radicato e quindi difficile da sconfiggere. Bisogna partire dall’educazione, dalla cultura e dalla sensibilizzazione, anche attraverso iniziative come questa di Unicoop Firenze che porta il tema violenza di genere nei supermercati e aiuta a far conoscere il numero 1522 a cui le donne possono rivolgersi” afferma Alessandra Nardini, assessora alle politiche di genere della Regione Toscana.

L’impegno di Unicoop Firenze per il contrasto alla violenza di genere

L’emergenza sanitaria ha fatto aumentare anche i costi di gestione dei servizi dei centri antiviolenza e delle case di accoglienza. Un problema al quale la campagna “La Buona Spesa è buona due volte” cerca di dare alcune prime risposte.  

Siamo contenti del risultato – fanno sapere da Unicoop Firenze – oltre al valore del contributo che potremo donare alle associazioni, che rappresenta una importante boccata di ossigeno in un periodo molto complicato, siamo riusciti a stimolare i nostri soci e clienti. Li abbiamo coinvolti in un meccanismo che permetteva loro allo stesso tempo di risparmiare e di donare e abbiamo riscontrato una grande partecipazione. La pandemia ha aggravato tante situazioni difficili e la violenza di genere purtroppo non ha rallentato. Sappiamo però dalle associazioni che le vittime continuano a chiedere aiuto e a intraprendere i percorsi per uscire dalla violenza. Sta a tutti noi aiutare e sostenere le vittime e fare opera di sensibilizzazione su questi temi, perché non se ne parli solo il 25 novembre”.  

Il tema della violenza di genere è già rientrato nella campagna Nessuno Indietro della cooperativa. Parte dei 2,2 milioni di euro che la cooperativa ha messo a disposizione delle associazioni di volontariato del territorio sono stati investiti in progetti per il contrasto alla violenza sulle donne, sia a livello di prevenzione, sia per le vittime e i bambini che escono da una situazione di maltrattamenti.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti