Stop alle aste a doppio ribasso sui prodotti alimentari

La Camera ha approvato il 27 giugno la proposta di legge in prima lettura. Soddisfazione di Coop: le aste al doppio ribasso sono una pratica ingiusta che Coop non ha mai usato; quanto alla pratica del sottocosto sui prodotti alimentari freschi e deperibili la proposta di legge approvata alla Camera è in linea con quanto sostenuto in audizione da Coop ovvero ne riconosce l’utilità in alcuni casi per limitare gli sprechi dell’invenduto offrendo opportunità di risparmio per i consumatori

La legge

Stop alle aste al doppio ribasso nell’acquisto di prodotti alimentari e norme più severe per la vendita sottocosto. Con 369 favorevoli e 60 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato lo scorso 27 giugno la legge “Tutela vendita prodotti agricoli”. Il provvedimento, che per diventare legge ora attende il vaglio del Senato, ha l’obiettivo di tutelare gli anelli più deboli della filiera produttiva e prevenire fenomeni di sfruttamento lavorativo e caporalato

Il testo limita anche il sottocosto, pratica che sarà consentita solo in casi programmati e concordati con i fornitori, oppure per evitare gli sprechi in caso di merce che rischia il deperimento.

La soddisfazione di Coop

Coop esprime la sua soddisfazione per la proposta di legge approvata oggi alla Camera in merito alle aste a doppio ribasso e alla vendita sottocosto dei prodotti freschi e deperibili.

Coop non ha mai usato le aste al doppio ribasso praticate da altri competitor, che comprimono i fornitori e spesso danneggiano direttamente il lavoratore agricolo.Coop da anni ha propri codici che garantiscono l’eticità dei rapporti di fornitura anche attraverso ispezioni e controlli in campo ulteriori rispetto a quelli previsti per legge.

Un esempio lampante è la sua campagna Buoni e Giusti sulle filiere ortofrutticole a rischio (800 fornitori coinvolti oltre 70.000 aziende agricole), che è tuttora in corso e si sta intensificando in vista della stagione della raccolta del pomodoro.

Quanto alla pratica del sottocosto sui prodotti alimentari freschi e deperibili la proposta di legge approvata alla Camera è in linea con quanto sostenuto da Coop in audizione ovvero ne riconosce l’utilità in alcuni casi per limitare gli sprechi dell’invenduto e offrire un’opportunità di risparmio per i consumatori, sempre che incida sui margini del distributore e sia concordata con il fornitore.

Il confronto tra le commissioni competenti e le organizzazioni interessate al tema ha prodotto un buon risultato a beneficio di tutti.

 

Per ricevere le notizie ogni settimana
* campi obbligatori

Informativa sulla privacy

Lasciando la tua email autorizzi Unicoop Firenze sc a inviarti la newsletter e dichiari di aver letto l’informativa sulla privacy.