Al Centro*Gavinana Saturdays for Future

Acquisti responsabili e buona spesa contro i cambiamenti climatici. Domani nuova giornata nazionale di acquisti informati, dopo il Friday For Future che vede scendere in piazza i ragazzi per il clima

Nuova mobilitazione al Centro*Gavinana per l’iniziativa Saturdays For Future, in programma domani sabato 30 novembre. I Saturdays for Future organizzati da NeXt e ASviS per supportare con azioni concrete e dal basso i movimenti nazionali e internazionali dei Fridays for Future tornano a Firenze, dopo l’appuntamento dello scorso 27 settembre.

Coop aderisce alla mobilitazione e Unicoop Firenze ha organizzato una giornata di sensibilizzazione sul tema del voto con il portafoglio, espressione coniata da Leonardo Becchetti, che ha affermato “il Cash Mob Etico” è uno strumento di sensibilizzazione e mobilitazione, che stimola i consumatori ad acquistare in modo consapevole ed informato, con l’obiettivo di spostare quote di mercato rilevanti verso aziende di prodotti e servizi che hanno scelto la sostenibilità a 360°: sociale, ambientale ed economica”. Dalla parte del voto con il portafoglio si schiera Coop, con il nuovo claim Una buona spesa può cambiare il mondo.

L’idea alla base di questa affermazione è che una buona spesa, fatta mettendo nel carrello prodotti che rispettano il benessere dell’ambiente, degli animali e delle persone, può invertire la rotta di ciò che non va nel mondo.  

Domani il Centro*Gavinana sarà allestito con alcuni manifesti che ricorderanno ai consumatori quanto il loro contributo sia decisivo “per costruire un futuro più sostenibile attraverso le scelte di consumo e risparmio quotidiano”.

Sui Saturdays For Future interviene anche Thomas Zulian, direttore commerciale di Fair Trade Italia che ha dichiarato : “Il consumatore ha una grandissima voce in capitolo, perché con le sue scelte può concretamente orientare il mondo produttivo ed esercitare un potere decisivo rispetto agli orientamenti delle imprese. Tutte le ricerche e l’andamento dei dati economici ci dicono che l’interesse per le questioni della sostenibilità è sempre più forte: una parte crescente dei consumatori è sempre più attento, pensa nel momento in cui va a fare la spesa e si fa domande rispetto a cosa mangia e alla filiera del prodotto.

Una spinta forte arriva dalle nuove generazioni, e soprattutto dai millennials, che abbracciano sempre più questo tipo di consumo etico e sostenibile. In risposta, anche il mondo produttivo oggi risulta sempre più sensibile rispetto alle richieste del consumatore: il suo potere è nel carrello quotidiano con il quale può premiare quelle imprese che mettono al centro equità sociale, lavoro delle persone e tutela dell’ambiente”.

Saturdays For Future – cos’è

Nata da un’idea del co-fondatore di NeXt – Nuova Economia X Tutti Leonardo Becchetti e del portavoce ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile Enrico Giovannini, la mobilitazione del Saturdays For Future vuole mostrare come si possa trasformare una manifestazione di piazza in un’azione di cittadinanza attiva quotidiana, dove la “mano” della cittadinanza attiva diventa stimolo efficace per l’azione della politica e delle imprese verso una transizione più rapida ed efficace alla sostenibilità.

Saturdays for Future sono una proposta che deriva dal successo delle due giornate di Cash Mob Etico organizzate in tutta Italia a maggio – Unicoop Firenze aveva già partecipato con il coinvolgimento di soci e clienti dei punti vendita di Arezzo e Poggibonsi

Scopo dei Saturdays for Future è: continuare a promuovere la mobilitazione dal basso verso un cambiamento culturale dei cittadini, che porta al raggiungimento di parte degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030, dal consumo responsabile alla lotta al cambiamento climatico, dalla tutela della vita nell’acqua e sulla terra ad un lavoro dignitoso e alla crescita economica per tutti.

Per ricevere le notizie ogni settimana
* campi obbligatori

Informativa sulla privacy

Lasciando la tua email autorizzi Unicoop Firenze sc a inviarti la newsletter e dichiari di aver letto l’informativa sulla privacy.