Frittata di mentuccia

Semplice e gustosa, anche nella variante con il pomodoro

Ingredienti ( dosi per 6 persone)

  • 2 manciate di mentuccia fresca;
  • 6 uova;
  • 40 g di pancetta tesa;
  • 2 cucchiai di pecorino dolce grattugiato (o parmigiano);
  • 1 aglietto fresco;
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva;
  • sale e pepe.

Preparazione

Tagliate la pancetta a fiammiferi. Scaldate un cucchiaio d’olio in una padella da 20 cm e fate soffriggere la pancetta a fuoco dolcissimo. Pulite e lavate la mentuccia e tritatela finissima. Tritate finissimo anche l’aglietto fresco. In una ciotola battete le uova con formaggio, sale e pepe, unite la mentuccia, la pancetta rimettete la padella sul fuoco con il resto dell’olio. Quando è calda, versatevi il composto di uova e abbassate la fiamma.

Fate cuocere per circa 5 minuti sollevando i lati con una spatola in modo che la frittata possa cuocere all’interno senza bruciarsi. Giratela e terminate la cottura per altri 3 minuti. Otterrete una frittata alta, di circa 2 cm, da servire tiepida o fredda, come secondo estivo o antipasto dal gusto fresco e di natura. 

Questa frittata è un piatto rituale che si prepara tuttora nel maceratese il giorno di Pasqua per servirla a colazione insieme alle uova benedette, al salame, al formaggio e alla pizza di Pasqua.

La variante

Nepitella in rosso

Potete cucinarla sempre con le uova ma in una versione più colorata: mettete in una padella due cucchiai d’olio, la nepitella, l’aglio tritato a pezzettini, dei pomodori pelati e tagliati a tocchetti e aggiustate il tutto con un pizzico di sale. Strapazzate le uova in un tegame e versate su ogni porzione la salsa precedentemente preparata. Servite il piatto ben caldo: a rinfrescarlo poi ci pensa la “nepitella”.

Vuoi saperne di più sulle proprietà della nepitella?

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti