Igiene sicura in casa

Come funzionano i sistemi per la pulizia domestica e non solo

Le nostre case, luogo di rifugio in cui sentirsi sicuri, lo sono veramente? Certo è necessario mantenere un elevato livello di igiene della nostra persona e degli ambienti in cui viviamo, ma come fare, soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, a non incorrere in errori banali ma pericolosi, quando pubblicità e informazioni non sono sempre esaustive e coerenti?

Disinfettare o detergere?

Rimuovere quotidianamente i residui alimentari (soprattutto se umidi) e le polveri da pavimenti e superfici riduce a livelli accettabili la proliferazione batterica. Ma se in casa ci sono persone a maggior rischio può essere importante praticare una disinfezione. Non serve creare un ambiente sterile (cioè privo di germi), ma evitare che si incrocino contaminazioni fra un oggetto e un altro.

L’ipoclorito di sodio è un disinfettante efficace che si trova nella candeggina, o varichina, al 5-10% (la concentrazione è riportata in etichetta): Per tavoli, scrivanie, maniglie di porte e finestre, cellulari, tablet, computer e interruttori della luce è sufficiente diluirlo allo 0,1% (50 ml di prodotto al 5% in 2450 ml di acqua).

Per i sanitari del bagno meglio se allo 0,5% (50 ml di prodotto in 900 ml di acqua). Durante l’uso indossare guanti, arieggiare ed evitare schizzi e spruzzi. Se si utilizzano prodotti già pronti tipo salviettine monouso imbevute, definiti “presidio medico chirurgico”, rispettare le modalità di uso riportate in etichetta.

Le radiazioni ultraviolette

Le radiazioni ultraviolette germicide (Uvc, diverse dalle Uvb e Uva) agiscono distruggendo Dna o Rna dei microbi. Note per la loro azione germicida già dal secolo scorso, sono impiegate da tempo in campo medicale. Perfette per sterilizzare acqua, aria e vari oggetti di vetro e metallo, sono invece pericolose per l’uomo.

Sul mercato sono proposti strumenti che emettono Uvc per la sterilizzazione di piccoli oggetti domestici come cellulari, auricolari e mascherine. L’efficacia però dipende dalla quantità di tempo di esposizione, da variazioni di potenza della sorgente Uvc, dalla eventuale presenza di particelle che possono proteggere i microorganismi dall’Uvc e dalla resistenza tipica di ogni microbo.

Al momento dell’acquisto, è bene leggere le indicazioni sulle modalità d’uso riportate sulle confezioni (non tutti i materiali restano inerti e alcune plastiche possono essere danneggiate) e verificare che esista una garanzia sull’effettiva efficacia del prodotto nel rispetto delle attuali normative.

Aria pericolosa

Fra gli inquinanti più comuni dell’aria delle nostre case ci sono il fumo di tabacco, le molecole derivate da cotture e riscaldamento dei cibi o evaporate da detergenti e disinfettanti durante le pulizie domestiche, da colle e vernici utilizzate per gli hobby casalinghi e anche da fotocopiatrici, stampanti e condizionatori d’aria. Regola fondamentale è arieggiare il più possibile, soprattutto quando si cucina e si fanno le pulizie.

Dispositivi come ionizzatori e ozonizzatori per uso domestico non sono così necessari, anzi se non ben utilizzati possono a loro volta diventare pericolosi. Un ozonizzatore produce molecole di ozono (O3) diverse dall’ossigeno che respiriamo (O2) per la presenza di un atomo di ossigeno in più. Hanno potere disinfettante, eliminano i cattivi odori e molecole inquinanti, ma perché non diventino un pericolo non devono superare 0,1 mg/m3.

Gli ionizzatori producono ioni negativi, che attirano varie molecole chimiche e polveri fra cui molti inquinanti, possono essere efficaci in uffici e dove il ricambio di aria non è possibile. A ogni modo se decidiamo di comprare ozonizzatori o ionizzatori, è bene affidarsi a prodotti garantiti da un certificato dove si dichiara che le prestazioni soddisfano gli standard stabiliti dalla normativa.

Utili e convenienti

Su piùscelta.it, ill sito di vendite on line dedicato ai soci Unicoop Firenze tre confezioni già pronte di prodotti a marchio Coop e delle migliori marche, selezionati per la loro qualità e convenienza: L’indispensabile, con i prodotti he non possono mai mancare in dispensa come zucchero, sale, olio, pasta…; Il senza glutine, una selezione di prodotti della linea Bene sì per chi è intollerante al glutine; I Freschi e profumati, dedicati all’igiene della casa e della persona.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti