Unicoop Firenze dona sessanta uova di Pasqua ai bambini ricoverati al Meyer

Un piccolo dono per regalare un sorriso e un momento di spensieratezza ai bambini ospitati nei reparti dell'ospedale fiorentino e alle loro famiglie.

Sessanta uova di cioccolata per i bambini ricoverati all’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Questo il dono che Unicoop Firenze ha voluto fare per regalare un sorriso e un momento di spensieratezza ai bambini ospitati nei reparti dell’ospedale e alle loro famiglie.

Un gesto simbolico di solidarietà nel segno della collaborazione tra la Cooperativa e l’ospedale fiorentino, eccellenza della pediatria in Toscana e nel mondo.

g.c. Ospedale Meyer

Unicoop Firenze ha stretto dal 2017 un accordo che prevede di donare in tre anni un milione e mezzo di euro per garantire ai bambini toscani e non solo un ospedale ancora più grande e accogliente. Le donazioni di soci e clienti alle casse dei supermercati Coop.fi sono già oltre 130.000 euro. Si può contribuire all’iniziativa per tutto il 2020 a partire da 100 punti della Carta Socio o 1 euro. Basta comunicarlo in cassa. Il ricavato andrà al progetto Meyerpiù.

Le donazioni del 2019 sono andate a sostegno dei lavori di realizzazione del Family Center Anna Meyer che sarà arricchito dai disegni del vignettista Tullio Altan. Nel 2018 il sostegno di Unicoop Firenze ha permesso la realizzazione della prima ala del Meyer Health Campus – destinato a diventare sede della didattica e della formazione a livello internazionale -, il finanziamento delle attività propedeutiche alla realizzazione del Family Center Anna Meyer, e la riorganizzazione e l’ampliamento degli spazi del Centro di Oncologia ed Ematologia.

Anche chi in questa Pasqua ha acquistato le uova di cioccolato “Pimpa per il Meyer”, andate esaurite in pochi giorni, ha contribuito al progetto Meyerpiù: tre euro per ogni uovo acquistato sono andate all’ospedale dei bambini per aiutarlo a diventare sempre più grande.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti