5 domande sulla noce Pecan

Alla scoperta dell'americana dal gusto dolce

Cosa è?
È un tipo di noce molto croccante, soprattutto quando tostata, con un gusto ricco e quasi burroso, dolce e aromatico, apprezzato proprio per la nota meno amara rispetto alle noci nostrane. Si presenta racchiusa in un sottile guscio, liscio al tatto, marrone rossastro, simile a un piccolo uovo di cioccolato, e meno robusto delle noci tradizionali, tanto da poter essere aperto con le mani. All’interno del guscio si trova il gheriglio commestibile, che di fatto è il seme della pianta, dalla forma stretta e allungata, ricoperto da una peculiare pellicina rossastra.

Da dove viene?
È il frutto dell’albero Carya illinoensis, originario del Nord America e coltivato dalla seconda metà dell’Ottocento. I nativi americani Algonchini col termine pecan indicavano la frutta a guscio che si rompe con una pietra; da qui il suo nome. Oggi la coltivazione si è estesa in altre parti del mondo, Italia compresa (in particolare le varietà Kiowa, Wichita e Shoshoni), e si contano quasi 500 varietà, fra quelle adatte a climi caldo-umidi (le orientali) e quelle più resistenti alla siccità (le occidentali).

Cosa contiene?
Tra la frutta secca detiene il podio della più calorica, con circa 700 kcal ogni 100 grammi. È molto ricca di grassi, buona parte dei quali sono acidi grassi monoinsaturi “buoni” per la nostra salute, come l’acido oleico. I lipidi rappresentano infatti il 70% circa dei nutrienti contenuti nelle noci Pecan, seguiti dai carboidrati (8%) e dalle proteine (7%). Anche il contenuto di fibre è notevole, così come quello di sali minerali (in particolare ferro, calcio, potassio, fosforo, rame e zinco) e di vitamine, in particolare quelle del gruppo B e la vitamina E.

Perché fa bene?
Grazie all’alto contenuto di grassi insaturi, contribuisce a ridurre i livelli di colesterolo e contrasta il rischio cardiovascolare. Ottima per recuperare le energie dopo uno sforzo fisico o in periodi di stress, è ricca di antiossidanti che proteggono dalle infiammazioni e dall’azione dei radicali liberi, causa dell’invecchiamento cellulare. Alleata di ossa, capelli e pelle, aiuta il benessere dell’intestino grazie all’alto contenuto di oli e fibre. Considerato il notevole apporto calorico, una manciata al giorno è la giusta dose per trarne beneficio con misura.

Come consumarla?
Oltre che come sfizioso snack antifame e ricco di nutrienti, può essere tritata e utilizzata per guarnire insalate, pasta, gratin, polpette di formaggio, piatti di verdure, zuppe e dolci. Si sposa molto bene con la frutta, fresca o cotta, ed è anche un’ottima aggiunta al gelato, mescolata o come guarnizione. Ideale anche per completare un’impanatura. Fra le tante ricette dolci, la più famosa è la Pecan Pie, dolce americano tipico del pranzo del Ringraziamento che Clint Eastwood ricorda nel film Il corriere (The Mule, 2018): «Sto portando noci Pecan a mia nipote. Fa la peggior torta di noci del mondo! Mi dispiace per il marito, ma mi dispiace anche per le noci!».

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti