L’olio che verrà

Campagna difficile per l’olio italiano con una riduzione della produzione stimata intorno ad un 50% dei volumi rispetto al 2017. Elevata criticità in Puglia, bene Sicilia e Lazio, molto bene la Liguria, mentre per il Centro Italia (Toscana – Abruzzo – Marche e Umbria) si preannuncia un’altra annata scarsa nei volumi. In compenso si stima che la produzione spagnola sia leggermente superiore al 2017 e anche negli altri Paesi del Mediterraneo non si riscontrano particolari criticità.
Nel video la visita a Vinci, ad uno dei due frantoi dell’oleificio cooperativo Montalbano, oltre 60 anni di storia.
Per saperne di più, leggi l’articolo

Potrebbe interessarti

Il bosco di Montopoli in Val d’Arno

In attesa della prossima inaugurazione del bosco di Montopoli di Val d'Arno, oggi, Giornata della Terra, il video che racconta il progetto...

Al posto del girasole

Cosa utilizzare al posto dell'olio di girasole per le nostre ricette? I consigli della cuoca Luisanna Messeri. Segui Luisanna...

Profumo di boom

Il racconto degli anni Sessanta attraverso la pubblicità, i caroselli, le mode dell'epoca. Il nuovo libro di Bruno Santini e Alessandro Bini, edito da...

Un bonus per la TV

La Tv sta cambiando e i prossimi mesi saranno cruciali anche in Toscana. Le modifiche diventeranno infatti operative dall'8 marzo quando i...

Appuntamento alla Cappella Brancacci

Speciale per i soci Unicoop Firenze. Tutti i sabati, fino al 25 giugno, alle 12. Un'occasione unica per vedere da vicino, dai...

Occhio al motore

Attenti alla guida e all'auto. Alcuni consigli per la manutenzione dell'auto soprattutto in inverno.