Un patto regionale per la lettura

Firmato il protocollo d’intesa tra la Regione Toscana e i vari soggetti della “filiera del libro” per promuovere l’accesso alla lettura. Tra i sottoscrittori anche Unicoop Firenze con il progetto Bibliocoop

La lettura come abitudine sociale quotidiana

Promuovere il libro e l’accesso alla lettura come strumento indispensabile per l’esercizio pieno e consapevole della cittadinanza, come strumento di crescita personale e di conoscenza, elemento di coesione e inclusione sociale.

Con questo spirito è stato firmato il 18 giugno nell’Auditorium del Consiglio regionale, il protocollo d’intesa e di alleanza tra la Regione Toscana e altri soggetti pubblici e privati della filiera del libro e della lettura.

“Il patto per la lettura – hanno ricordato la vicepresidente della Regione Toscana Monica Barni e l’assessore all’istruzione Cristina Grieco – nasce dalla constatazione che i livelli di lettura in Italia sono inferiori rispetto ad altri paesi europei. E questo è un problema grave, perché la lettura è un mezzo di conoscenza e di informazione, ma soprattutto è premessa indispensabile per esercitare una cittadinanza responsabile e per promuovere una società democratica, libera, aperta, creativa”.

Nel protocollo d’intesa le parti sottoscrittrici si impegnano a definire, attuare, promuovere in modo organico, trasversale e strutturato, azioni e progetti di promozione del libro nel rispetto del diritto di tutti alla lettura.

Tra i sottoscrittori anche Unicoop Firenze con il progetto Bibliocoop.

Il progetto Bibliocoop

Vere e proprie mini-biblioteche, aperte a tutti, lettori e curiosi, che portano la cultura nei luoghi abituali della spesa, con numerose iniziative di promozione e invito alla lettura.

Questa è Bibliocoop, il progetto culturale realizzato dal 2010 da Unicoop Firenze in collaborazione con la Regione Toscana, per la promozione della biblioteca e dell’accesso alla lettura nei centri commerciali Unicoop Firenze. Un servizio completamente gratuito, a cui hanno aderito le biblioteche comunali delle province di Firenze, Arezzo, Lucca, Pistoia, Pisa, Prato e Siena.

Niente come la lettura di un libro, nell’apparente quiete e nel silenzio può dischiudere in modo imprevedibile la vista di nuovi orizzonti di vita.

Tullio De Mauro

I numeri di Bibliocoop

Bibliocoop è presente in trentuno sezioni soci Coop, con trentasette punti prestito attivi nei supermercati Coop.fi, e coinvolge trentadue biblioteche, con un patrimonio librario di circa 50mila titoli e 8mila lettori.

Le attività di prestito, che hanno raggiunto quota 35mila l’anno, e di ricerca libri sono portate avanti con il contributo delle sezioni soci Coop e di centinaia di volontari.

Non solo prestito libri

In questi anni intorno alle Bibliocoop sono nati tanti nuovi progetti: le letture ad alta voce,  il progetto Audiolibri, con un migliaio di volontari che prestano la propria voce per registrare audio-letture destinate a non vedenti e ipovedenti, fino ai circoli di lettura, nati nel 2018 per trasformare la lettura da esperienza individuale in pratica di socializzazione e confronto.

Io credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi: essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà per strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo.

Gianni Rodari, La freccia azzurra

Il video

Che lettori sono Ascanio Celestini, Elena Stancanelli, Ilaria Gaspari, Fabio Canino, Valerio Aiolli? Cosa ha significato e rappresenta per loro la scrittura? Scoprilo nel video…

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti