La Toscana e noi

Ammonta a 1 miliardo di euro il contributo di Unicoop Firenze al Pil regionale e i toscani sono molto sensibili all'ambiente, come spiega la ricerca sui consumi presentata alla Pergola

Come va l’economia toscana? Quale è il contributo di Unicoop Firenze all’economia regionale e alla valorizzazione del territorio? Come cambiano i consumi dei toscani e che valore acquista la sostenibilità ambientale nelle scelte dei consumatori? Queste le domande a cui risponde la quarta edizione del convegno La Toscana e Noi, che si è tenuto questa mattina al Teatro della Pergola a Firenze.

In Italia

Dall’illustrazione del quadro macroeconomico, che vede una frenata dell’economia mondiale, si è passati ad un focus sulle dinamiche economiche in Italia, con la decelerazione europea che porta il nostro Paese ai margini di una nuova recessione. In questo contesto, gli italiani limitano i consumi, che incrementano solo nei servizi. Crescono i comparti turismo ed è in ripresa il ciclo immobiliare, mentre sono in perdita le aziende del Nord e quelle legate all’industria tedesca.

Daniela Mori, Presidente Consiglio di Sorveglianza Unicoop Firenze

In Toscana

Venendo alla Toscana, l’industria della nostra regione è meno esposta alla frenata internazionale rispetto alle regioni settentrionali, l’occupazione decresce quantitativamente, ma resta qualitativamente migliore, mentre l’invecchiamento sposta la domanda verso i servizi e il processo di terziarizzazione, già in atto da anni, è destinato a continuare.

Per i prodotti di largo consumo, alla Toscana resta confermato il primato della convenienza, con prezzi nei supermercati e ipermercati più bassi del 2,8% rispetto alla media italiana. Ancora più vantaggioso il rapporto con gli altri territori se si prendono in esame solo le province dove opera Unicoop Firenze, che possono godere di prezzi del 3,2% più bassi della media. Cresce la convenienza scegliendo i prodotti a marchio dei distributori, che nei supermercati ed ipermercati della Toscana costano il 5,4% in meno rispetto alla media dei prodotti a marchio in Italia, che diventa 6,3% in meno se si considerano solo le province dove opera Unicoop Firenze.

Presentazione della ricerca a cura di Unicoop Firenze e Ref Ricerche

Valorizzazione del territorio

Per quanto riguarda la valorizzazione del territorio, il contributo della cooperativa al PIL toscano è di 1 mld di euro in Toscana, a livello italiano di 2 mld 420 mln. A livello di occupazione, l’impatto è di 5.400 unità di lavoro in Unicoop Firenze (pari a circa 8mila dipendenti, di cui l’89% a tempo indeterminato), che salgono, considerando anche i numeri dell’indotto, a 14.200 unità in Toscana e 38.400 in Italia.

Toscani attenti all’ambiente

Nel corso della mattinata è stato presentato anche un focus sulla sensibilità ambientale dei toscani, da cui emerge che i toscani sono attenti all’ambiente, più sensibili della media italiana, e precursori anche delle abitudini di consumo e di alimentazione che guardano verso i nuovi trend verdi. Questi i tratti più evidenti:

I toscani intervistati da Ref Ricerche per conto di Unicoop Firenze sentono l’urgenza di prendere posizione sull’emergenza dei cambiamenti climatici. Oltre sette toscani su dieci, mentre a livello nazionale sono poco più di uno su due, non esitano a definirsi molto preoccupati dall’inquinamento da plastica e microplastica. Un problema che, secondo i toscani, potrebbe essere risolto mettendo in campo incentivi ai prodotti facilmente riciclabili e attività di sensibilizzazione dell’opinione pubblica.

Scopri i dettagli della ricerca “La Toscana e Noi”

Crescono rispetto all’anno passato i cittadini convinti dell’importanza dell’impatto ambientale sulla propria qualità della vita e salute e aumenta anche la disponibilità ad adottare comportamenti più virtuosi per ridurlo.

Raccolta differenziata, diminuzione dello spreco di cibo e di acqua sono le buone pratiche più comuni acquisite dagli intervistati negli scorsi dodici mesi, ma tre toscani su quattro sono intervenuti anche sulla riduzione dell’acquisto di prodotti in plastica.

Attenti all’ambiente anche a tavola

I toscani prediligono sempre di più i prodotti stagionali e locali, acquistano più frutta e verdura di stagione e mangiano più prodotti a km zero. Il biologico tiene, ma solo un toscano su due ne ha incrementato il consumo. Rispetto alla media nazionale, i toscani si confermano più attenti al tema dello spreco: consumano prima i prodotti più vicini alla scadenza e riutilizzano gli avanzi invece di buttarli.

Ecosostenibili, insieme a Unicoop Firenze

Sull’ambiente la sensibilità dei toscani incontra quella di Unicoop Firenze e la percezione dei risultati ottenuti dalla cooperativa è alta fra i consumatori. In particolare, i nuovi incarti ecologici per la gastronomia e la forneria, l’eliminazione dalla vendita delle cassette di polistirolo dalle pescherie e lo stop alla vendita dei prodotti di plastica usa e getta sono le decisioni più apprezzate, seguite dall’iniziativa “Farina Toscana” e dal progetto di economia circolare per il riuso del pane del Mugello, trasformato in pangrattato e birra artigianale.

I toscani in particolare sono più favorevoli della media degli italiani a tutte le soluzioni per ridurre le confezioni in plastica, dalla loro sostituzione con confezioni riutilizzabili e/o compostabili alla riduzione dei materiali d’imballaggio. Sulle confezioni si concentra anche la maggiore ricerca di informazioni: per i toscani è fondamentale trovare indicazioni chiare e semplici in etichetta, dalla data di scadenza alle proprietà nutrizionali fino al luogo di produzione.

Nel corso del convegno La Toscana e Noi sono stati presentati tre casi di aziende del territorio toscano recentemente inserite fra i fornitori di Unicoop Firenze o che hanno presentato progetti innovativi per la valorizzazione del territorio e del “made in Tuscany”, che vanno ad aggiungersi alle 1.050 aziende toscane che già sono fra i fornitori di Unicoop Firenze. Da anni infatti la cooperativa conta il doppio dei fornitori locali rispetto alla media della grande distribuzione organizzata.

Tosca la Pasta

Il progetto di filiera nato da Unicoop Firenze e dalla cooperativa agricola Terre dell’Etruria “Tosca la pasta” che porta sugli scaffali di Unicoop Firenze pasta di grano solo toscano, coltivata senza l’uso di glifosate, trafilata al bronzo ed essiccata lentamente, attenta alla salute, all’ambiente e al gusto.

Oltre ad essere sostenibile a tutto campo, anche per i produttori, che vedono riconosciuto un giusto prezzo e un’equa remunerazione, Tosca la pasta è un prodotto “trasparente”: basta “sparare” il codice QR di ogni confezione con il proprio smartphone per visualizzare aree di provenienza, lista dei produttori, ettari impegnati, quantità di grano fornite da ogni produttore e persino le immagini dei campi da cui viene il grano.

Change Organic di Qualikos

Arriva nei punti vendita di Unicoop Firenze anche la linea di cosmetici solidi Change Organic. La svolta sostenibile, a cui corrisponde una vera e propria rivoluzione nelle abitudini e nel mondo di lavarsi, permette di eliminare la produzione quotidiana di rifiuti (i prodotti non contengono plastica ed hanno packaging riciclati e riciclabili) e utilizzare ingredienti naturali e biologici.

I cosmetici solidi molto concentrati con zero presenza di acqua sono una novità per la grande distribuzione, a cui Unicoop Firenze apre per venire incontro alle esigenze di chi sta più attento all’ambiente, e nascono da un percorso di ricerca ed innovazione che vede l’azienda toscana Qualikos ai primi posti nel Paese.

Naturanda di Bartoli

Naturanda® è la nuova linea della storica cartiera lucchese Bartoli spa per contribuire al futuro dell’ambiente: una linea di piatti e contenitori monouso in polpa di cellulosa, sostenibili in tutte le fasi di vita del prodotto (tutti gli articoli sono 100% made in Italy, sicuri ed ecologici) e che hanno recentemente ottenuto tutte le certificazioni internazionali di riciclabilità e compostabilità. Impiegando, infatti, materie prime vegetali gli articoli di Naturanda, nella loro vita dopo l’uso, tornano ad essere una risorsa e vengono riutilizzati in impieghi successivi.

Per ricevere le notizie ogni settimana
* campi obbligatori

Informativa sulla privacy

Lasciando la tua email autorizzi Unicoop Firenze sc a inviarti la newsletter e dichiari di aver letto l’informativa sulla privacy.