Coronavirus: cosa si può fare in Toscana dal 4 maggio 2020?

Spostamenti, attività sportiva, ristorazione con asporto e possibilità di fare la spesa in un Comune diverso da quello in cui si abita. Domande e risposte utili sulle novità previste dalla fase 2 in Toscana

L’ordinanza regionale n.50 firmata dal Presidente della Regione Enrico Rossi disciplina le attività che è possibile fare o non fare da lunedì 4 maggio. Ecco qui alcune domande e risposte utili.

Per altri dubbi, chiarimenti o domande fare riferimento al sito Toscana Notizie o consultare il testo dell’ordinanza regionale.

Posso andare nella seconda casa al mare o in campagna con la famiglia?

Secondo l’ordinanza il rientro al proprio domicilio, abitazione o residenza è consentito solo per coloro che hanno sul territorio regionale il proprio medico di medicina generale o il pediatra di famiglia. Non è, pertanto, consentito il rientro in Toscana verso le seconde case utilizzate per vacanze.

Per chi risiede in Toscana è possibile raggiungere le seconde case, camper, roulotte o altri manufatti per svolgere attività di manutenzione e riparazione. Lo spostamento dovrà essere esclusivamente individuale e limitato al territorio regionale, con obbligo di rientro in giornata presso l’abitazione abituale.

Posso andare al cimitero anche al di fuori delle cerimonie funebri?

Sì, è consentito spostarsi nell’ambito della propria Regione per far visita nei cimiteri ai defunti, con l’accompagnamento da parte di una persona nel caso di minori o di persone non completamente autosufficienti, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale e del divieto di assembramento. Resta salvo quanto definito dal dpcm 26/04/2020 in tema di cerimonie funebri.

È consentito svolgere attività sportiva o motoria anche a livello amatoriale?

Sì, l’attività sportiva potrà essere svolta, solo individualmente, ma spostandosi all’interno del territorio regionale, anche in impianti pubblici o privati all’aperto senza l’utilizzo di spogliatoi o altri spazi chiusi, utilizzando per lo spostamento mezzi propri di trasporto e con l’obbligo del rientro in giornata a casa. I minori o i soggetti non completamente autosufficienti possono essere accompagnati da una persona. La distanza interpersonale da rispettare è di almeno 2 metri.

Lo stesso vale per l’attività motoria, a piedi o in bicicletta, con partenza e rientro alla propria abitazione, senza uso di altri mezzi di trasporto. Nel caso di residenti nella medesima abitazione e di minori o persone non completamente autosufficienti accompagnati, non è necessario mantenere la distanza di almeno 2 metri.

Per ogni altra attività diversa da quella sportiva obbligo di indossare la mascherina nel caso non sia possibile mantenere la distanza di almeno un metro. Negli spazi aperti, in presenza di più persone, si consiglia di indossare comunque la mascherina e di mantenere la distanza intepersonale di almeno 1,8 metri.

Posso spostarmi con il mio mezzo per praticare trekking? 

Sì, in quanto posso praticare attività sportive in forma strettamente individuale, sul territorio regionale, utilizzando per lo spostamento mezzi propri di trasporto e con l’obbligo del rientro in giornata presso l’abitazione abituale. È possibile l’accompagnamento da parte di una persona nel caso di minori o di persone non completamente autosufficienti, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno 2 metri.

Posso fare un passeggiata con la mia famiglia?

Sì, con partenza e rientro dalla propria abitazione, è possibile fare una passeggiata con i propri conviventi.

È possibile fare la spesa in un Comune diverso da quello in cui si abita?

Sì, è consentito lo spostamento individuale per acquistare prodotti rientranti nelle categorie di generi di cui è ammessa la vendita, espressamente previste dal DPCM 26 aprile 2020, nell’ambito dei confini provinciali e, nel rispetto del principio di prossimità, anche nei comuni limitrofi o collocati nei pressi dei confini provinciali.

Posso andare a raccogliere funghi?

Sì, senza uso di altri mezzi di trasporto, in maniera individuale. Nel caso di residenti nella medesima abitazione e di minori o persone non completamente autosufficienti accompagnati, non è necessario mantenere le misure di distanziamento sociale.

È consentita la pesca da terra?

Sì, in forma strettamente individuale, sul territorio regionale, utilizzando per lo spostamento mezzi propri di trasporto e con l’obbligo del rientro in giornata presso l’abitazione abituale. E’ possibile l’accompagnamento da parte di una persona nel caso di minori o di persone non completamente autosufficienti. L’attività va svolta nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno 2 metri.

Attività agricole, cura dell’orto e del bosco

Le attività agricole e la selvicoltura sono permesse nell’ambito regionale in un appezzamento agricolo o forestale di proprietà individuale o di un familiare convivente, con un solo spostamento al giorno e il rientro in giornata presso la propria abitazione. Le attività da svolgere devono limitarsi a quelle per la tutela delle specie vegetali, degli animali allevati, e per il taglio del bosco.

Consentito l’addestramento e l’allevamento di cavalli e cani, all’interno del territorio regionale e con obbligo di rientro in giornata presso la propria abitazione.

Bar, ristoranti, agriturismi e altre attività artigiane alimentari possono vendere per asporto o con consegna a domicilio alimenti e bevande?

La ristorazione con consegna a domicilio è permessa nel rispetto delle norme igienico-sanitarie per l’attività di confezionamento e di trasporto. Lo stesso vale per la ristorazione con asporto da parte degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e da parte delle attività artigiane alimentari. Si raccomanda che la vendita previa ordinazione on-line o telefonica, in modo da consentire ingressi contingentati e la presenza nel locale di un cliente alla volta. è fatto divieto di ogni forma di consumo sul posto.

Anche le aziende agrituristiche autorizzate potranno somministrare alimenti e bevande alle medesime condizioni.

Calzature per bambini

Consentita la vendita delle calzature per bambini sia all’interno dei negozi specializzati in abbigliamento per bambini che nei negozi che commercializzano calzature per bambini.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti