Fetta a fetta: bresaola o tacchino?

Leggeri e con pochi grassi, senza rinunciare al gusto

Dopo tante settimane di inattività, trascorse davanti alla televisione – o con un libro in mano, nel migliore dei casi -, è importante scegliere alimenti che ci aiutino a star bene. Per chi non vuol rinunciare alle proteine animali ma desidera limitare i danni, ecco due cibi leggeri e appetitosi: la bresaola e la fesa di tacchino a fette.

Bresaola

Provenienza: da molte regioni del nord Italia, ma quella Igp viene prodotta nella Provincia di Sondrio dove si trovano la Valtellina e la Valchiavenna. Alla seconda, la tradizione storico-letteraria attribuisce l’origine del prodotto, antico di secoli.

Segni particolari: diversi i tagli di carne, il più pregiato è la punta d’anca del bovino adulto maschio di razza Piemontese, Limousine o altre. Prima la carne è massaggiata e salata. Poi, durante la stagionatura, viene esposta alle giuste variazioni di temperatura e umidità, secondo i tempi e i modi stabiliti dal disciplinare di produzione.

Caratteristiche: è il salume più povero di grassi; inoltre è ricco di proteine, ferro, sali minerali e vitamine.

A tavola: ideale per spuntini, antipasti e secondi di facile preparazione, una spolverata di pepe nero e olio d’oliva, scaglie di parmigiano, rucola e un po’ di limone. Una sciccheria i fagottini di bresaola e robiola.

Un consiglio: la si accompagni con un vino bianco sapido, con un rosé o con uno spumante secco.

Curiosità: il termine bresaola ha un’origine incerta. Secondo alcuni, brisa è voce dialettale che indica una ghiandola dei bovini molto salata. Ancora oggi per una carne troppo saporita si usa il detto “salà come brisa”: da qui brisaola, trasformato nell’odierno termine bresaola.

Fesa di tacchino

Provenienza: ovunque siano presenti allevamenti di questo animale, giunto in Europa dal Nuovo Mondo dopo il 1492. Sembra che la prima coppia di tacchini sia arrivata in Italia nel 1520: quest’anno sono cinque secoli.

Segni particolari: si ottiene dal petto del tacchino, disossato e ripulito. Condita con sale e spezie, è sottoposta a una cottura al forno di 6-8 ore, a circa 70°C di temperatura. Quindi viene insaccata in una rete e successivamente affumicata o spennellata sulla superficie con del caramello.

Caratteristiche: ogni 100 grammi di prodotto, sono 125 le calorie, 2,8 i grammi di grassi, 2,2 quelli di carboidrati, 0,8 di sale, 21,2 di proteine.

A tavola: alimento proteico e magro, saporito e insieme delicato, è l’ideale per diete che uniscono gusto e salute. Se ne può esaltare il sapore leggero con una salsa tonnata o con un’allegra insalata mista.

Un consiglio: da accompagnare con un vino bianco fruttato o con un rosso a bassa gradazione.

Curiosità: fra le razze italiane, citiamo l’Ermellinato di Rovigo, il Bronzato dei Colli Euganei e il Nero d’Italia, ma ormai il tacchino italiano non esiste quasi più, soppiantato da incroci per la produzione.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti