Arachidi italiane

La storia dell'azienda La Cenerentola che ha fatto rinascere la coltivazione delle arachidi in Italia

Una storia italiana

Una storia d’Italia, una storia di prodotti che tornano a crescere nel Bel Paese. È quella dell’azienda La Cenerentola di Somma Vesuviana dove è nato un progetto che ha messo radici e oggi porta le prime arachidi italiane anche sugli scaffali di Unicoop Firenze.

Giovanni e Francesco: loro due, fratelli nella vita e soci in azienda, avevano un sogno e si sono imbarcati per realizzarlo.

L’arachide sparita

«Oggi il più grande produttore di arachidi è la Cina – racconta Giovanni – seguita da India e Stati Uniti. Da decenni quella delle arachidi è una produzione trasversale ai continenti: vengono coltivate ovunque tranne in Europa, dove non la produzione è di fatto sparita. Fino agli anni ’60 si coltivavano anche in Italia poi è diventata una coltura economicamente insostenibile per un mancato sviluppo della meccanizzazione della parte agricola. In realtà quello delle arachidi è un settore promettente e ha un forte indotto, come quello della frutta secca in generale che è cresciuto molto in questi ultimi anni. Il progetto è partito proprio dalla constatazione delle potenzialità di questo prodotto e perché l’Italia offre tanti territori dove la produzione poteva rifiorire. Quindi, tre due uno: via. Siamo partiti!»

Alla ricerca del seme perduto

«Quando abbiamo dato il via al progetto – continua Giovanni – non avevamo idea di quanto sarebbe stato difficile far rinascere qui questa varietà. Abbiamo superato ostacoli di non poco conto. Non c’era meccanizzazione e nemmeno l’esperienza, non c’era più la cultura di questa produzione. E, soprattutto non c’erano più semi certificati e senza seme… puoi sognare quanto vuoi ma non puoi produrre! Quindi abbiamo iniziato a girare il mondo: abbiamo cercato il seme e lo abbiamo trovato da un’azienda americana in Texas. L’accordo con loro sembrava fatto ma poi tutto si è bloccato perché non ricevevamo più semi per continuare la produzione. Dopo altri viaggi e ricerche alla fine abbiamo trovato un’altra azienda e abbiamo siglato un accordo di sviluppo delle varietà e di costruzione della filiera delle arachidi in Italia. Un po’ per volta, missione compiuta».

Si può fare!

«Oggi stanno nascendo varie esperienze, in Spagna, Francia e Italia. La nostra – racconta Giovanni Auriemma – è una delle prime ad essere ripartita: abbiamo avviato la prima produzione 4 anni fa e oggi abbiamo diverse varietà, con esperienze in Veneto, Emilia Romagna, Campania e Puglia. I nostri prodotti oggi sono presenti solo nel canale Coop e da circa un anno il prodotto è anche sugli scaffali di Unicoop Firenze. Come inizio… siamo soddisfatti: quest’anno abbiamo coltivato circa 60 ettari di terreno in tutta Italia, con un raccolto di circa 1.500 quintali. Siamo una squadra giovane: il progetto vede impegnati due agronomi, un genetista che segue l’evoluzione delle varietà all’interno dei diversi ambienti nazionali e abbiamo molti studenti universitari tesisti. Due hanno persino fatto due tesi di laurea sulla nostra filiera, perché era sparita in Italia e oggi sta rinascendo, anzi, è ufficialmente rinata! Da qualche mese è nato anche la nostra nuova azienda Italiana arachidi e con questo marchio le nostre arachidi saranno presenti sugli scaffali di Unicoop Firenze».

Il futuro

«Il settore della frutta secca continua a crescere – sostiene Giovanni – e noi contribuiremo a renderlo più… italiano!  CI siamo impegnati non poco per far rinascere la filiera: abbiamo dovuto insistere perché, a livello ministeriale, non esistevano le linee guida per la registrazione delle varietà. Adesso, dopo qualche anno di lavoro, il Ministero ha introdotto la coltura e ha istituito un tavolo per la registrazione delle varietà di arachidi. Ad oggi in produzione abbiamo otto varietà che differiscono fra loro per tempi di maturazione e qualità. In particolare abbiamo due varietà principali, per la linea sgusciata e per i prodotti in guscio. Gli obiettivi per il futuro? Vogliamo far crescere la produzione per quantità, anche perché questa coltura è una delle più grandi commodity al mondo. Inoltre abbiamo registrato l’interesse di altre aziende che vedono il settore come un’alternativa a colture che non rendono più come una volta. Quantità sì, ma anche qualità e varietà: continueremo la ricerca di varietà estinte e con il nostro ufficio ricerca e sviluppo, porteremo avanti il lavoro di sperimentazione per ampliare la varietà di semi in coltivazione. Vale la pena sognare e provarci. Perché, a volte, succede che si avverano».

Caratteristiche

È una leguminosa, con coltura annuale. Si semina a aprile e si raccoglie a fine settembre e inizio ottobre, con una coltivazione che va dai 120 a 145 giorni di coltivazione. Come molte leguminose, le arachidi sono una varietà azoto fissatrice: in sostanza la pianta rilascia nel terreno azoto naturale e, alla coltivazione successiva, il terreno non va chimicamente rifertilizzato. Una coltivazione che non depaupera il terreno ma anzi lo autoconcima.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti