La storia di “Casa Marta”

A Firenze, vicino all’Ospedale Meyer, la prima struttura residenziale in Toscana per cure palliative pediatriche

«Non ti dimenticheremo e nel tuo nome aiuteremo altri bambini». Queste le parole sussurrate alla piccola Marta da mamma Benedetta Fantugini e dal babbo Leonardo Cappelli, nel reparto di rianimazione dell’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze, poco prima che la malattia se la portasse via a soli 9 mesi nell’estate 2005. Una promessa mantenuta. Nell’agosto dello stesso anno danno vita alla Fondazione martacappelli onlus, che in questi anni si è impegnata per dare conforto a tanti bambini e ai loro genitori nei reparti di rianimazione e sub intensiva dell’Ospedale Meyer.

Ma si sono confrontati anche con le difficoltà delle famiglie, il loro senso di smarrimento e di inadeguatezza quando la malattia del figlio diventa importante, non prevede guarigione clinica o è in fase terminale, situazione che obbliga talvolta i genitori a scegliere di restare in ospedale anziché tornare a casa.

E se ci fosse uno spazio alternativo all’ospedale, un ambiente confortevole come una casa, ma dotato di tutte le attrezzature sanitarie necessarie, con personale specializzato, in grado di ospitare i bambini e le famiglie nella delicata fase di passaggio dall’ospedale al ritorno al proprio domicilio o di donare loro normalità anche nel momento più difficile della vita? Questo si sono chiesti Benedetta e Leonardo; così, nel 2016, nasce l’idea di Casa Marta, un progetto che ha incontrato il sostegno dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer, che nel 2017 è incaricata dalla Regione Toscana di studiare la fattibilità di una struttura pediatrica per accogliere, insieme ai familiari, i bambini che necessitano di cure palliative.

Un aiuto arriva anche dalla Fondazione Solidarietà Caritas onlus che dona un edificio a due passi dal Meyer e collegato funzionalmente con l’ospedale. Per gestire il progetto, nel febbraio 2021, si costituisce la Fondazione Casa Marta, partecipata da Fondazione martacappelli onlus e Fondazione Solidarietà Caritas onlus, la cui presidente è Benedetta Fantugini, mamma di Marta.

La prima pietra di Casa Marta è stata posata a luglio e al momento sono in corso i lavori di ristrutturazione, resi possibili grazie anche a un finanziamento della Fondazione CR Firenze, partner del progetto, ma sono ancora tanti i fondi necessari per poter aprire entro la fine del 2024. La struttura, disposta su due piani, ha una superficie di circa 500 metri quadri ed è circondata da un grande giardino pensato per essere vissuto tutto l’anno dai piccoli pazienti, grazie anche a una pergola bioclimatica che percorre il perimetro dell’edificio.

Casa Marta ospiterà fino a sei pazienti accompagnati ciascuno da un genitore, ci saranno anche una biblioteca, la stanza della musica, una sala dove studiare, ricevere visite, giocare con i propri fratelli e sorelle, con gli amici.

«Sarà una casa colorata e accogliente, senza orari di visita prestabiliti, parenti e amici saranno sempre i benvenuti. Sarà gestita dai medici e infermieri formati dall’Ospedale Meyer e dai volontari della nostra Fondazione. La struttura, privata ma convenzionata con il pubblico, ospiterà per brevi soggiorni bambini con patologie cronico-complesse, ma anche bambini nella fase terminale della malattia, offrendo – conclude Benedetta – l’assistenza medico-infermieristica necessaria per garantire la migliore qualità di vita possibile, grazie alla professionalità di eccellenza del Meyer».

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti