Cibo e coperte per i poveri

Oggi la consegna della Fondazione Il Cuore si scioglie in Vaticano all'Elemosiniere del Papa. Lo scorso 19 dicembre erano state donate altri 55 quintali di generi alimentari e coperte. Un impegno concreto contro l'emergenza povertà.

“Solidarietà che vince, non si cambia”. Potrebbe essere questo il senso della seconda consegna di generi alimentari e coperte che si terrà domani in Vaticano. I protagonisti dell’impegno per “gli ultimi” sono la Fondazione Il Cuore si scioglie e l’Elemosiniere di Papa Francesco, Konrad Krajewski, che si occupa di prendere in carico le tonnellate di prodotti che la Fondazione dona ai bisognosi romani.

Dopo un primo contatto nel 2019, il 19 dicembre scorso la Fondazione era arrivata in Vaticano con un furgone di pasta, olio, pomodoro, latte, tonno e fagioli, oltre a decine di coperte, da destinare alle persone senza fissa dimora. Oggi la Fondazione torna a varcare le porte del Vaticano per portare altri 55 quintali di generi alimentari di base e altre coperte. E la collaborazione continuerà nelle prossime settimane.

L’impegno della Fondazione Il Cuore si scioglie per contrastare l’emergenza alimentare è costante e si articola sia nelle iniziative sul territorio, sia nelle raccolte alimentari che due volte l’anno mobilitano migliaia di volontari, che raccolgono centinaia di tonnellate di prodotti che arrivano direttamente alle associazioni che sul territorio si occupano delle persone in difficoltà.

Proprio sotto le Feste, inoltre, la Fondazione Il Cuore si scioglie ha promosso il progetto Natale Insieme per contrastare emergenza alimentare, ma anche emergenza Natale, attraverso la raccolta fondi destinata a regalare un pasto natalizio a chi ha più bisogno. 

Natale Insieme ha raccolto dal primo al 24 dicembre scorso 103.000 euro suddivisi in oltre 25.000 donazioni. La cifra è stata raddoppiata dalla Fondazione Il Cuore si scioglie per arrivare a 206.000 euro che sono sati destinati ai pranzi delle feste di chi vive in situazione di difficoltà e continueranno a sostenere l’assistenza a persone povere e senza fissa dimora nel 2020. 

Le missioni in Vaticano sono state organizzate dopo che l’elemosiniere del Papa aveva evidenziato la necessità di generi alimentari per sostenere le famiglie povere e chi non ha una casa e dorme nelle stazioni della capitale. La Fondazione ha raccolto con entusiasmo e velocemente la richiesta di intervento ed ha organizzato le due donazioni, i cui prodotti sono stati rapidamente esauriti negli interventi organizzati dal Vaticano.

Nelle prossime settimane previste altre iniziative che affiancheranno Fondazione Il Cuore si scioglie e l’elemosiniere di Papa Francesco.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti