Al via Liberi dai rifiuti 2022

Insieme per l'ambiente. Tornano le giornate di volontariato ambientale in collaborazione con Legambiente con 8 appuntamenti in Toscana. Oggi la prima tappa a Firenze alle Cascine

 

Tornano le giornate di volontariato ambientale promosse da Unicoop Firenze e Legambiente. A maggio 2022 sono 8 gli appuntamenti previsti nelle sette province della Toscana in cui è presente Unicoop Firenze (Arezzo, Firenze, Lucca, Pisa, Pistoia, Prato, Siena), in luoghi che sono stati individuati dalle sezioni soci dopo un confronto con le amministrazioni e con Legambiente, partner scientifico nel progetto. Questa mattina il primo appuntamento si è tenuto al Parco delle Cascine di Firenze ed ha visto un’ampia partecipazione.  

La prima edizione di Liberi dai rifiuti si è svolta nel 2019 ed ha visto la partecipazione di 2000 volontari per 40 ore di azioni di cura del territorio e un totale di 9,7 tonnellate di rifiuti raccolti. A questa è seguita una seconda edizione nel 2020, interrotta a causa della pandemia. 

Il 2022 vede un nuovo inizio per l’iniziativa Liberi dai rifiuti, che valorizza l’attività di pulizia del territorio legandola ad una attività di citizen science, la scienza dei cittadini, che permette di acquisire competenze scientifiche tramite attività partecipate di monitoraggio. Dopo la partenza di questa mattina a Firenze, sono sette gli appuntamenti previsti nel mese di maggio nelle province toscane.  

Nel dettaglio oggi pomeriggio si terrà la tappa aretina in località Ponte a Buriano, mentre fra i prossimi eventi si segnalano quello di Empoli, sabato 21 maggio al parco di Serravalle e quelli del 28 maggio: la mattina a Poggibonsi nell’area dello Staggia, a Pisa al parco di Cisanello, a Lucca nella zona dell’Oltreserchio e Prato nei giardini di via Turchia, mentre il pomeriggio a Pistoia, sull’argine dell’Ombrone nel tratto compreso fra ponte di Gello e laghi Primavera.  

Come partecipare?

Ci si può iscrivere oniline su scrizioni online per i prossimi eventi al link https://eventi.coopfirenze.it/s/liberi-dai-rifiuti 

Per tutti i partecipanti in omaggio la maglietta dell’evento disegnata da Makkox e il kit per la raccolta. 

Durante le iniziative, i partecipanti verranno divisi in piccoli gruppi e saranno coinvolti attivamente in un’esperienza di citizen science, attraverso un’attività di monitoraggio scientifico partecipato della tipologia e della quantità dei rifiuti raccolti sul territorio.

Un’esperienza importante di cittadinanza attiva per capire l’impatto della dispersione di materia sugli ecosistemi e il tipo di inquinamento prevalente nei siti monitorati. Sarà anche l’occasione per confrontarsi sul corretto smaltimento delle diverse tipologie di rifiuto e sulle altre buone pratiche improntate alla sostenibilità. L’iniziativa si svolgerà nel rispetto della normativa anticovid vigente, nella piena tutela della salute e della sicurezza dei partecipanti.

Al termine della raccolta, inoltre, i partecipanti verranno informati rispetto ai tempi di degradazione in ambiente naturale delle tipologie di rifiuti raccolti.

Ad esempio per fazzoletti e tovaglioli di carta servono 3 mesi, per un mozzicone di sigaretta da uno a due anni, per una lattina di alluminio dai 20 ai 50 anni, mentre per una busta di plastica oltre 50 anni. Ancora più lunghi i tempi di degradazione per un tappo di acciaio (dai 50 ai 100 anni), una bottiglietta di plastica (PET) (oltre 100 anni) o una bottiglia di vetro (oltre 1.000 anni).  

«Liberi dai rifiuti è il nostro modo per agire sul territorio, sui temi ambientali, in modo partecipativo. I luoghi da pulire vengono individuati di comune accordo fra le sezioni dei soci Coop e i circoli di Legambiente, poi le attività sono aperte a tutti – ha spiegato Tommaso Perrulli, responsabile progetti sociali Unicoop Firenze – e non servono competenze particolari, solo la motivazione per rendersi protagonisti di un impegno importante per l’ambiente». 

«Dopo due anni di pandemia, torniamo per liberare i nostri ecosistemi dai rifiuti e portare avanti un’attività di monitoraggio scientifico partecipato che potrà tornare utile alle amministrazioni locali per capire meglio la tipologia di pressione sul territorio e in particolare sulla matrice suolo, per intervenire in modo sempre più mirato ed efficace» ha affermato il presidente di Legambiente Toscana, Fausto Ferruzza.  

“Un’occasione per coinvolgere i cittadini nella cura del territorio – ha detto l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re -, mettendo ancora una volta al centro la tutela del verde urbano come elemento collettivo della transizione ecologica e del passaggio a un’economia davvero circolare. Un’iniziativa che vede una sinergia importante tra Unicoop Firenze e Legambiente impegnate insieme a noi a promuovere la consapevolezza del legame tra difesa dell’ambiente e salute dei cittadini”. 

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti