R-estate con l’arte!

Visite guidate gratuite per famiglie e ragazzi al Museo degli Uffizi, Giardino di Boboli e Palazzo Pitti in collaborazione con Firenze Musei.

Al via il nuovo programma di R- estate con l’Arte!, rassegna di percorsi all’interno delle Gallerie degli Uffizi, realizzata grazie al contributo di Unicoop Firenze, in collaborazione con Firenze Musei, rivolti a famiglie con bambini e ragazzi che desiderano trascorrere piacevoli momenti di svago e apprendimento in unici luoghi della cultura.

Il calendario di questa edizione valorizza in particolare le passeggiate all’aperto nel meraviglioso Giardino di Boboli.

Boboli, un giardino da scoprire, fra mito, arte e natura

«In tanti hanno sete di arte e di cultura». Così il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt ha commentato il vero e proprio boom di visitatori – oltre 21.000 in sei giorni – al Museo degli Uffizi, Giardino di Boboli e Palazzo Pitti in occasione della riapertura dopo due mesi di chiusura forzata al pubblico a causa dell’emergenza pandemica.

Un complesso nuovamente fruibile anche attraverso il nuovo programma di “R-Estate con l’arte!”, le visite guidate tematiche a questi tre siti museali, pensate per un pubblico di famiglie con bambini (dai 7 anni in su): «Un’iniziativa che promuove la conoscenza e la comprensione del nostro patrimonio culturale non può che essere la benvenuta – dice Schmidt -, soprattutto in un momento come questo in cui sarà possibile visitare i musei con tempi e condizioni che ne favoriscono la fruizione. Per chi già li conosce e per chi vi si avvicina per la prima volta, le opportunità di visita sono una positiva occasione di conoscenza e piacevole intrattenimento per bambini e adulti».

Il programma di quest’anno valorizza in particolare le passeggiate all’aperto nel meraviglioso Giardino di Boboli, un ambiente talmente vasto e articolato che chi vi entra difficilmente riesce a girarlo tutto. Tre le nuove proposte all’insegna della scoperta di alcuni aspetti curiosi e inconsueti.

Colori e profumi nel giardino dei granduchi” guarda al ricco patrimonio botanico del Giardino di Boboli, dalla varietà di alberi, ai fiori, agli agrumi. A Boboli si trova infatti una collezione botanica straordinaria e unica al mondo. In particolare, la collezione di agrumi, avviata da Cosimo I de’ Medici nella seconda metà del ‘500, conta oggi circa 700 piante in vaso di diverse varietà, che nel periodo invernale vengono spostate nella Limonaia. Una coltivazione che viene effettuata, già dalla prima realizzazione del Giardino di Boboli, in conche di cotto – materiale ideale per questo tipo di piante – che vengono rigorosamente dall’Impruneta.

Ciò che oggi a noi appare sì bello ma forse un po’ “scontato”, aveva invece all’epoca un significato ben diverso e molto importante. Queste piante erano infatti ritenute il non plus ultra della presenza vegetale in un giardino mediceo, talmente importanti sia a livello simbolico sia a livello di significato alchemico ed esoterico, da essere associate, in questo spostamento dall’esterno all’interno per ripararle dal gelo invernale, al calendario religioso: per San Martino (quindi a novembre) le piante dovevano essere messe a riparo, per San Giorgio (cioè ad aprile) trasferite all’esterno.

Nel cortile della reggia, tra le nicchie dell’Anfiteatro, all’ombra delle siepi o tra le fresche acque di una fontana, il percorso intitolato “Sulle tracce del mito” porta alla scoperta dei numerosi personaggi della mitologia che animano il Giardino. Sono circa 180 le sculture di pietra o di marmo, antiche e moderne, che accompagnano i visitatori lungo i diversi percorsi, un vero e proprio museo a cielo aperto. Fra i tanti, ce n’è uno che ha una particolare affinità con la città e la sua storia: Ercole, legato a Firenze da una serie di leggende elaborate tra il XV secolo e la prima metà del successivo, in cui figurava come il mitico fondatore della città.

Ercole in riposo, che accoglie i visitatori nel Cortile dell’Ammannati, giunse a Firenze nel 1570, quattro anni dopo la sua scoperta a Roma fra le rovine del palazzo imperiale sul Palatino. L’opera fu acquistata a caro prezzo dal granduca Cosimo I, che aveva una particolare predilezione per la figura di Ercole, al punto da riprodurla sul proprio sigillo e su medaglie, identificandosi nell’eroe e immaginando le fatiche di questo come metafora delle proprie imprese.

L’ultima proposta – “Le forme dell’acqua: alla scoperta delle fontane del Giardino di Boboli” – guarda all’elemento vitale del giardino stesso, dall’utilizzazione per l’irrigazione all’allestimento di scenografici giochi per il divertimento della corte.

Novità alla Galleria degli Uffizi

In occasione della riapertura, la Galleria degli Uffizi si è arricchita di 14 nuove sale traboccanti di opere d’arte al primo piano della Galleria. Capolavori di Daniele da Volterra, Rosso Fiorentino, Bartolomeo Passerotti e tanti altri maestri, mai esposti in maniera permanente al pubblico ma adesso protagonisti, insieme ad Andrea del Sarto, Parmigianino, Pontormo, Sebastiano del Piombo, nel prezioso allestimento di tredici nuove sale dedicate ai grandi della pittura fiorentina, emiliana e romana del Cinquecento.

Una quattordicesima nuova sala è uno speciale “assaggio”, sintesi e anticipazione degli spazi che presto accoglieranno gli autoritratti degli artisti collezionati nel corso dei secoli, con lavori, fra gli altri, di Bernini, Cigoli, Chagall, Guttuso.

Dedicato invece ai classici “Uffizi Celebrities”, percorso alla scoperta dei dipinti più famosi della Galleria, in un itinerario dal Gotico al Rinascimento, attraverso il meglio delle opere qui riunite, da Giotto a Botticelli, a Leonardo e a Michelangelo; e “U come Uffizi”, itinerario che illustra la nascita e lo sviluppo del complesso vasariano, con uno sguardo sulle statue della Loggia dei Lanzi e del porticato degli Uffizi.

Palazzo Pitti: due nuovi percorsi

A Palazzo Pitti due nuovi percorsi riguardano la Galleria Palatina, “Pitti Celebrities”, itinerario fra i capolavori di artisti come Raffaello, Tiziano, Caravaggio e Rubens; e “I Quattro filosofi e i volti della Galleria Palatina”, alla scoperta dei personaggi famosi immortalati da ritrattisti di gran talento e, in particolare, di un celebre quadro di uno dei più grandi pittori del Seicento, Rubens.

Nuovo è anche il “Pitti Celebrities” all’interno della Galleria d’Arte Moderna, attraverso le opere – da Giovanni Fattori a Silvestro Lega, a Camille Pissarro, a Medardo Rosso – che raccontano la storia e le trasformazioni della società fra Ottocento e Novecento. Viene riproposto poi il percorso “La reggia delle bizzarrie”, che illustra la ricca collezione di arti decorative situata nella sontuosa cornice degli appartamenti estivi della famiglia Medici.

Il calendario

Gli Uffizi

  • Uffizi Celebrities: gli imperdibili capolavori – Percorso alla scoperta dei dipinti più famosi della Galleria, quei tesori imperdibili che una volta entrati al museo non potrete proprio fare a meno di andare a cercare. Giotto, Botticelli, Leonardo e Michelangelo, in un itinerario dal Gotico al Rinascimento, attraverso il meglio delle opere qui riunite.

    Giovedì 24 giugno ore 10 e 11.30
    Sabato 3 luglio ore 10 e 11.30
    Sabato 7 agosto ore 10 e 11.30
  • U come Uffizi – L’itinerario illustra la nascita e lo sviluppo del complesso vasariano, in relazione al cuore civile di Firenze, tra il Palazzo della Signoria e l’Arno, con uno sguardo sulle statue della Loggia dei Lanzi e del porticato degli Uffizi. Il percorso si svolge all’esterno del museo.

    Sabato 10 luglio ore 10 e 11.30
    Domenica 8 agosto ore 10 e 11.30

Alla scoperta delle nuove sale – La visita offre la possibilità di godere di capolavori della pittura del Cinquecento come Pontormo, Rosso Fiorentino e Andrea del Sarto, in un nuovo e accattivante allestimento delle sale del primo piano.

Domenica 13 giugno ore 10 e 11.30
Sabato 26 giugno ore 10 e 11.30

Palazzo Pitti

Galleria Palatina: Pitti Celebrities gli imperdibili capolavori – Il percorso si snoda nelle sale della reggia fiorentina delle tre dinastie. Nelle sontuose sale della Galleria Palatina i capolavori di artisti come Raffaello, Tiziano, Caravaggio e Rubens.

Domenica 1 agosto ore 15

I Quattro filosofi e i volti della Galleria Palatina – Tra i dipinti della quadreria del primo piano potrete fare la conoscenza di personaggi famosi, immortalati da ritrattisti di gran talento, e ammirarne gli abiti, le acconciature, le espressioni. Fra questi scoprirete dettaglio per dettaglio un celebre quadro di uno dei più grandi pittori del Seicento, Rubens, e vi saranno svelati i tanti segreti nascosti in questa tela!

Giovedì 24 giugno ore 15
Domenica 4 luglio ore 15 e 16.30

Galleria d’Arte Moderna: Pitti Celebrities: gli imperdibili capolavori

Anche la Galleria d’Arte Moderna ha i suoi veri pezzi forti, opere che raccontano la storia e le trasformazioni della società tra Ottocento e Novecento. Osservare i dipinti nelle sale dell’ultimo piano del palazzo è come fare un viaggio nel tempo. I ragazzi potranno divertirsi nel vedere come trascorrevano il tempo i loro coetanei oltre un secolo fa, come era l’abbigliamento in un’epoca ancora lontana da negozi e centri commerciali, e come in determinati periodi cruente battaglie hanno segnato la storia dei nostri luoghi. Da Giovanni Fattori, a Silvestro Lega, a Camille Pissarro, a Medardo Rosso, una panoramica fra i massimi autori dell’arte italiana e straniera esposti nelle stanze della residenza lorenese.

Sabato 19 giugno ore 15 e 16.30
Sabato 24 luglio ore 15 e 16.30

Tesoro dei Granduchi – La reggia delle bizzarrie – Attraverso la collezione del Tesoro dei Granduchi sarete accompagnati in un affascinante percorso alla scoperta dei segreti della natura. Grazie alla magia e alla sapienza degli artisti di corte, perle e pietre dure potranno trasformarsi in forme vegetali o animali fino a creare splendidi oggetti di oreficeria. L’itinerario illustra la ricca collezione di arti decorative situata nella sontuosa cornice degli Appartamenti estivi della famiglia Medici.

Domenica 27 giugno ore 15 e 16.30

Giardino di Boboli

Colori e profumi nel giardino dei granduchi – Dal cortile del palazzo che fu reggia di tre dinastie, potrete scoprire l’affascinante giardino che faceva da elegante cornice per la vita di corte. Dalle statue, ai giochi d’acqua, alle aiuole fiorite, una passeggiata tra il verde di alberi secolari, fino a scoprire i colori e i profumi della Vasca dell’Isola. Il percorso illustra in particolare il ricco patrimonio botanico del Giardino di Boboli, dalla varietà di alberi, ai fiori, agli agrumi.

Sabato 31 luglio ore 10 e 11.30

Sulle tracce del mito – Nel cortile della reggia, tra le nicchie dell’Anfiteatro, all’ombra delle siepi o tra le fresche acque di una fontana, durante la visita sarete sorpresi dai numerosi personaggi della mitologia che animano il giardino dei granduchi.

Domenica 20 giugno ore 10 e 11.30
Domenica 11 luglio ore 10 e 10.30

Domenica 25 luglio ore 10 e 11.30
Domenica 1 agosto ore 10

Le forme dell’acqua: alla scoperta delle fontane del Giardino di Boboli – L’acqua rappresenta l’elemento vitale del giardino stesso, dall’utilizzazione per l’irrigazione, all’allestimento di scenografici giochi per il divertimento della corte.
Il percorso si concentra in particolare sulle fontane che arredano il giardino e che nascondono spesso un significato che celebra il potere granducale.

Sabato 12 giugno ore 10 e 15.30
Giovedì 24 giugno ore 10

Informazioni

Gli incontri si svolgono nei fine settimana, dal 12 giugno a metà ottobre, esclusivamente su prenotazione e sono rivolti a famiglie con bambini e ragazzi dai 7 ai 17 anni.

Nel rispetto della norme per il contenimento della diffusione del Covid-19, i gruppi non potranno eccedere il numero di 10 persone (guida compresa).

L’ingresso ai musei fino ai 18 anni è gratuito; dai 18 ai 25 anni è ridotto; gli adulti pagano il biglietto d’ingresso al museo dove previsto.

L’ingresso al Giardino di Boboli è gratuito per i residenti del Comune di Firenze. La visita “U come Uffizi” si svolge presso la Loggia dei Lanzi e il loggiato degli Uffizi e non prevede biglietto.

Prenotazioni al museo e accompagnamento didattico sono gratuiti per i partecipanti, offerti da Unicoop Firenze. Le modalità di pagamento e le indicazioni per la visita saranno comunicate al momento della conferma della prenotazione.

Prenotazioni

È possibile prenotare i percorsi che sono in programma fino a domenica 8 agosto esclusivamente via email dalla data sotto indicata, all’indirizzo restateconlarte@gmail.com, specificando nell’oggetto il titolo del percorso di vostro interesse.

Apertura delle prenotazioni: martedì 1 giugno

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti