Cinema sotto le stelle

Al via la programmazione nelle due arene all’aperto del Nelson Mandela Forum

Si torna al cinema ma sotto le stelle, con la nuova programmazione delle due Arene estive del Nelson Mandela Forum di Firenze che aprono al pubblico dal 18 giugno fino al 30 settembre. Una programmazione ricca e varia e un’organizzazione a prova di sicurezza, con ingressi contingentati, posti distanziati, obbligo di mascherina in coda e possibilità di prenotare in anticipo e arrivare al cinema con il modulo per l’ingresso già compilato, come previsto dalla normativa per la sicurezza Covid-19.

Quasi trent’anni di programmazione estiva no stop, in cui le due sale a cielo aperto hanno accolto il pubblico fiorentino e non solo che, finalmente, potrà vedere sul grande schermo i tanti successi rimasti nel cassetto durante il periodo del lockdown.

Ogni sera due film che spaziano dai big di Hollywood alle programmazione più di nicchia: nell’Arena Grande arrivano i successi della stagione, da “Parasite” al nuovo film di Woody Allen “Un giorno di pioggia a New York”, e tante pellicole che in questo periodo di lockdown sono andate sul web: “Tornare” di Cristina Comencini, “Favolacce” dei fratelli D’Innocenzo, “I Miserabili” di Ladj Ly, “Matthias & Maxime” di Xavier Dolan.

Lo schermo dell’Arena Piccola è dedicato al cinema d’essai: “Dio è donna e si chiama Petrunya”, “Il mistero Henri Pick”, “Marie Curie” tra le proposte, insieme alle due retrospettive dedicate a Federico Fellini e Agnès Varda, oltre alle versioni restaurate di pellicole di culto come “Caravaggio” di Derek Jarman e “Crash” di David Cronenberg.

Nel programma, da segnalare due affascinanti omaggi musicali – a Leonard Cohen e alla sua musa Marianne Ihlen e il concerto di Fabrizio De Andrè con la PFM; fra i più ricercati, l’arte di Caravaggio nel super classico di Derek Jarman, restaurato da poco e per i cent’anni dalla nascita di Fellini “Amarcord”, “I vitelloni”, “Otto e mezzo” e altri suoi capolavori. Sull’onda del premio Oscar, in programmazione anche Memorie di un assassino di Bong Jon Hoo.

E, oltre al cinema c’è di più: gli spettatori che accedono all’Arena piccola potranno anche visitare la mostra fotografica, inaugurata un anno fa, “Mediterraneum – il diritto alla speranza, scatti dal mare, di Massimo Sestini, tra i maggiori foto-reporter italiani.

Grande cinema e molte nuove occasioni per riprendere la normalità delle serate estive fuori casa, con una buona novità anche i soci Unicoop Firenze: il costo del biglietto è rimasto invariato (5 Euro) ma ogni 5 spettacoli i soci Coop hanno diritto a un biglietto omaggio. Un ottimo motivo in più per dare il via all’estate sotto le stelle.

INFO È consigliato l’acquisto in prevendita sul sito www.mandelaforum.it dove scaricare il modello prestampato per consegnarlo già compilato all’ingresso. I posti, numerati, sono assegnati al momento dell’acquisto. Le sedute rispettano il distanziamento sociale, con la possibilità di sedere accanto per i componenti dello stesso nucleo familiare o conviventi.

L’orario d’inizio delle proiezioni è sfalsato per evitare assembramenti: Arena Grande 21.30, Arena Piccola 21,45. Prezzi per i soci Unicoop Firenze 5 Euro – un omaggio ogni 5 ingressi. www.mandelaforum.it – tel 055 678 841 – piazza Enrico Berlinguer – Firenze

La mostra

Mediterraneum – il diritto alla speranza, scatti dal mare” presenta 14 grandi fotografie retro-illuminate, realizzate nel 2014 da Massimo Sestini durante le operazioni di soccorso ai migranti della Marina Militare Italiana. Ognuno volti in foto racconta una storia, una strada che li ha portati fino a quella carretta del mare da cui sono stati tratti in salvo. Grazie a un appello lanciato in rete, Massimo Sestini ha rintracciato alcune persone immortalate in quegli scatti: qualcuno vive in Italia, altri sono all’estero, di molti si sono perse le tracce.

Gli scatti “mediterraneum – il diritto alla speranza, scatti dal mare” ci ricordano il difficile percorso per affermare i diritti di tutti, sanciti dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Sono fotografie che richiamano anche l’impegno che i governi del mondo si sono presi nel 1979 firmando la Convenzione Internazionale sulla Ricerca e il Salvataggio Marittimo

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti