Una buona spesa per il Meyer

Dal 23 settembre fino al 6 ottobre acquistando una confezione di noci intere o di una Italia Bio Vivi Verde Coop si sostiene la Fondazione dell'ospedale pediatrico fiorentino e si accumulano punti extra sula Carta Socio

 Con l’accordo firmato lo scorso 12 febbraio la Cooperativa si è impegnata a contribuire economicamente allo sviluppo delle attività di ricerca dell’eccellenza pediatrica fiorentina, con uno stanziamento di 100mila euro ogni anno per tre anni (2021-2023).

La collaborazione va nel solco di quella che ha coinvolto cooperativa e fondazione negli scorsi tre anni, dal 2017 al 2020, con un importante impegno economico da parte di Unicoop Firenze (500.000 euro per ogni anno) finalizzato al progetto Meyer+.

I soci possono contribuire a sostegno delle attività della Fondazione dell’Ospedale pediatrico fiorentino anche acquistando uno o più prodotti del reparto ortofrutta dedicati al Meyer: la Cooperativa, infatti, donerà l’equivalente dei punti extra accumulati sulla Carta Socio alla Fondazione Meyer.

L’undicesimo appuntamento, dal 23 settembre al 6 ottobre 2021, riguarda le noci intere e l’uva Italia Bio Vivi Verde Coop. Acquistandole, per ogni confezione: rispettivamente alla Fondazione Meyer andranno 60 centesimi (nel caso delle noci) e 60 punti sulla Carta del Socio, 50 centesimi ( nel caso dell’uva Italia) andranno al Meyer e 50 punti sulla Carta Socio.

L’occasione per mangiare sano, fare del bene all’ambiente e contribuire a sostenere chi aiuta i bambini a stare meglio.

Uva Italia, chicchi di salute

Grandi grappoli di forma piramidale, grossi acini di colore giallo dorato, dal sapore dolce intenso e dall’aroma di moscato. L’uva Italia è ottenuta dall’incrocio della vite Bicane con Moscato D’Amburgo, e viene prodotta in gran parte in Puglia e Sicilia.

Caratteristiche

Dissetante ma anche nutriente, per la presenza di zuccheri facilmente assimilabili, vitamine di tipo A e C e di flavonoidi, potenti antiossidanti che proteggono cuore, arterie e sistema immunitario.

Da usare con parsimonia in caso di diabete o di obesità data l’elevata quantità di zuccheri.

In cucina

Ottima come merenda o per un pranzo “depurativo”, si usa per preparare dolci, dalle schiacciate alle torte con la frutta, per accompagnare antipasti a base di formaggi, o per arricchire secondi piatti, ottima con la carne di maiale, o insalate.

( a cura di: Redazione)

Le noci: le regine della frutta secca

La noce viene spesso definita la regina della frutta secca. Non a caso, l’aggettivo “regia” contenuto nel nome scientifico della pianta “Juglans regia”, significa appunto “regale, degna di un re” mentre “Juglans” deriva dal latino “Iovis glans” (ghianda di Giove) probabilmente legato al grande valore dei suoi frutti e allo stretto legame che storicamente questa pianta aveva con la religione e la divinità.

Un po’ di storia

Reperti archeologici riportano testimonianze di come questo frutto veniva già utilizzato come mezzo di sostentamento 9000 anni fa, ed oggi viene coltivata in tutto il mondo.

Originarie dell’Asia Minore e successivamente giunte in Europa in epoca altrettanto antica, le noci sono protagoniste di leggende e credenze storiche, fin dai tempi dei Greci e dei Romani. Diffuse anche nella nostra penisola, le varietà di noci sono davvero tante e tutte con caratteristiche intrinseche e valide per l’organismo. Oggi, a distanza di millenni, grazie alle sue molteplici proprietà benefiche la noce è diventata un alimento molto presente nella dieta di tantissime persone: scopriamone insieme i segreti!

Caratteristiche

Ciò che caratterizza il seme dal punto di vista nutrizionale è il contenuto molto elevato in grassi “buoni”. La composizione in acidi grassi è a favore di quelli polinsaturi, soprattutto acido linoleico e acido linolenico, rispettivamente della serie omega-6 e omega-3. Questi assumono la valenza di essere essenziali, cioè non sintetizzabili da parte dell’organismo e, perciò, da introdurre necessariamente con la dieta. Una porzione, che corrisponde a circa 6-8 noci, è in grado di coprire il fabbisogno medio giornaliero di omega-3.

I benefici che si ottengono dal consumo regolare di noci non si fermano qua, merito della ricchezza del contenuto in nutrienti: ottime fonti di proteine e di fibra alimentare, povere di zuccheri e riserva eccezionale di minerali, quali potassio, fosforo, magnesio, calcio e di vitamine, specie alcune del gruppo B e la vitamina E, con azione antiossidante.

In cucina

La noce è un prodotto molto apprezzato nella cucina per tutte le età. Grazie alla sua versatilità, si presta ad essere consumato sia al naturale che all’interno di moltissime preparazioni, dolci o salate, aggiungendo croccantezza e varietà ad ogni piatto.

Oltre ad essere utilizzate da sole come snack veloce e salutare, le noci sono impiegate nella formulazione di dolci e dessert in genere o per dare un tocco in più a molti prodotti da forno. Possiamo offrirle ai bambini a colazione, insieme al latte/yogurt e ai cereali croccanti, oppure a merenda con la frutta fresca; realizziamo anche piatti sfiziosi, come insalate fantasiose, per un pranzo gustoso e nutriente. Altri usi delle noci in cucina riguardano la preparazione di salse di accompagnamento e condimenti dei primi piatti.

La scheda di approfondimento sulle noci è a cura dell’Unità professionale Dietetica dell’Ospedale Meyer

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti