Mirtilli e Orzo per la Fondazione Meyer

Dal 17 al 30 giugno, acquistando orzo e mirtilli Vivi Verde si sostiene la Fondazione del pediatrico toscano e si accumulano punti extra sulla Carta Socio

Acquistando uno o più prodotti del reparto ortofrutta dedicati al Meyer i soci Unicoop Firenze possono contribuire e sostenere l’ospedale pediatrico toscano: la Cooperativa, infatti, donerà l’equivalente dei punti extra accumulati sulla Carta Socio alla Fondazione dell’ospedale pediatrico Meyer.

Il quinto appuntamento, dal 17 al 30 giugno, riguarda l’Orzo perlato Bio Viviverde Coop e i Mirtilli Bio Viviverde Coop.

Fresh blueberries with bluberry leaves isolated on white background.

Mirtilli

Frutti del sottobosco, i mirtilli (Vaccinium myrtillus) sono un concentrato di virtù noto sin dai tempi più remoti. Tipici delle montagne settentrionali, in Toscana in epoca rinascimentale venivano aggiunti all’arrosto. Maturano in piena estate e, grazie al sapore gradevole e ai loro benefici (sono definiti anche “superfrutti” o superfood), hanno oggi un grande successo. Neri, rossi, blu: la varietà cromatica della buccia, sottile e lucida, è dovuta all’elevata presenza delle antocianine (antiossidanti).

Oltre agli antiossidanti, sono ricchi di vitamine (C, E e K) e sali minerali, soprattutto potassio. Poveri di calorie, hanno anche un buon contenuto di acqua e fibre. I mirtilli possono essere consumati freschi, ma prevalentemente sono impiegati per confezionare marmellate, gelatine, sciroppi. Ottimi per la merenda dei bambini e ideali nelle macedonie, completano dessert e semifreddi e arricchiscono le crostate.

Orzo perlato

Si ritiene che l’orzo sia uno dei cereali più antichi: Greci e Romani lo consumavano sotto forma di pane e zuppe, ed è ricordato da Plinio il Vecchio come alimento base per i gladiatori. Il padre della medicina, Ippocrate, ne aveva riconosciuto l’alto valore energetico e raccomandava questo prodotto per la facilità nella digestione e per l’alto potere antinfiammatorio.

L’orzo è ricco di fibre ed è fonte di preziosi minerali, soprattutto potassio e fosforo, mentre le vitamine più presenti sono quelle del gruppo B, in particolare niacina, tiamina, piridossina e folati.

La presenza di fibre e vitamine conferisce all’orzo proprietà utili alla salute dell’apparato gastrointestinale e cardiovascolare. Nell’alimentazione dei piccoli può essere impiegato per minestre o zuppe, golose polpette, oppure risottato (proprio come si fa col riso) o ancora preparato freddo e condito con verdure e dadini di formaggio.

(A cura dell’Unità professionale di Dietetica dell’Ospedale Meyer)


Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti