Il Panebrillo di San Miniato

La storia di questo dolce delle feste pasquali, disponibile nei Coop.fi in tre versioni. Toscano, lavorato a mano e sfornato dalle sorelle Puggioni della Fattoria Casanova

Ricette di famiglia

Da un piccolo laboratorio artigianale, tre sorelle pasticcere sfornano un dolce “ubriaco” in tre versioni: il Panebrillo. Toscano, lavorato a mano, a lievitazione naturale e sfornato dalla Fattoria Casanova, a due passi da San Miniato. Lì, nel laboratorio delle meraviglie, le tre sorelle Puggioni impastano e reinventano, con ingredienti selezionati, ricette di famiglia e qualche proposta da gran collezione.

Tre da collezione

Quella del Panebrillo ne conta tre: classico con uva passa e distillato d’arancia, ai mirtilli e rum; cioccolato e pera imbevuto di distillato alla pera. All’incrocio fra tradizione e novità, dove finisce il panettone e nasce un dolce che va bene per ogni stagione. Forma alta e un po’ bombata, a un primo sguardo richiama in effetti il panettone, ma è di tutt’altra pasta: lievito madre, burro solo francese, lavorazione con tre rinfreschi e raffreddamento a testa in giù.

Se l’idea dell’inzuppo ricorda da lontano l’amico babà, il Panebrillo ha un cuore compatto che assorbe e mantiene tutti gli aromi della frutta e delle bagne con cui viene “ubriacato”. Di antico conserva l’artigianalità e quella storica tradizione dell’uso del liquore in cucina: per dare sapore a paste e dolci poveri, per aggiungere calorie a chi ne metteva poche a tavola. E per allungare la vita a una bontà che in dispensa dura fino a sei mesi.

Foto Marco Pasquini

Pasticci di famiglia

Niccolina, Giovanna, Serena, tre sorelle che lavorano come un tempo: fianco a fianco, prendendo spunto dalle vecchie ricette della mamma. «Più che pasticcere siamo pasticcione, ci piace tirare fuori dal forno proposte nuove», scherza Serena Puggioni mentre, insieme alla sorella Niccolina, impacchetta torte e biscotti. Dall’altra parte del piccolo laboratorio artigianale la terza sorella, Giovanna, che impasta e stende, insieme a mamma Rosaria. È da qui, dal laboratorio dell’azienda Fattoria Casanova, che esce il Panebrillo a marchio “Sorelle Puggioni”.

«La collaborazione con Unicoop Firenze è stata un’importante opportunità di crescita – dice Niccolina, la più grande delle tre – che ha permesso anche di farci conoscere dal grande pubblico: fa un certo effetto vedere i nostri prodotti sullo scaffale».

E fra gli ultimi arrivati, proprio il Panebrillo, nato da una ricetta che poi si è moltiplicata per tre, come spiega Giovanna: «La prima versione proposta a fine 2018 è andata a ruba e, da lì, ci siamo fatte venire qualche idea nuova con le altre due varianti ai frutti. La lavorazione è lunga, soprattutto per i tempi di lievitazione: la prima dura tra le dodici e le quattordici ore poi, dopo aver aggiunto nuovi ingredienti, l’impasto riposa altri sessanta minuti. Infine dopo averlo messo in forma rimane in cella di lievitazione per cinque ore».

Ma qual è il segreto? Serena lo svela sempre con un sorriso: «Farina, burro e tanto amore oer questo mestiere e per le cose… buone!».


Nei Coop.fi

Il Panebrillo classico, nato nel 2019, è presente in tutti i reparti forneria di Unicoop Firenze, mentre le altre due versioni ai gusti fruttati sono disponibili nelle fornerie dei supermercati più grandi.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti