Giocanara. Un crowdfunding a sostegno dei bambini e delle bambine vittime di violenza assistita

Al via la nuova sfida solidale della Fondazione Il Cuore si scioglie per finanziare spazi e attività per i piccoli ospiti delle case rifugio e di seconda accoglienza gestite dal Centro Antiviolenza La Nara di Prato. Si può contribuire fino al 29 febbraio online o partecipando agli eventi sul territorio organizzati dalla sezione soci Coop di Prato, come il pranzo in punto vendita del prossimo 9 febbraio

Due obiettivi per una raccolta fondi che guarda ai minori vittime di violenza assistita intrafamiliare, a rischio di importanti effetti nocivi per lo sviluppo psico-emotivo. Il primo è l’allestimento di uno spazio gioco per minori, il secondo la strutturazione e attuazione di un percorso di sostegno alla genitorialità per le madri vittime e di aiuto per superare le difficoltà scolastiche per i bambini.

Questo quanto vogliono realizzare la Fondazione Il Cuore si scioglie e la sezione soci Coop di Prato, che sostengono il progetto GiocaNara nell’ambito della campagna di crowdfunding Pensati con il cuore.

Pensati con il Cuore

Pensati con il Cuore infatti è la campagna di crowdfunding lanciata nel 2017 dalla Fondazione Il Cuore si scioglie, per sostenere le tante realtà che in Toscana, ogni giorno, si impegnano per il bene comune del proprio territorio. Finora sono stati 61 i progetti realizzati, con oltre 25 mila persone coinvolte e 920 mila euro messi a disposizione di chi sul territorio affronta problematiche relative alla povertà, alla disabilità, all’integrazione e alla violenza di genere.

Il progetto GiocaNara

Con il Centro Antiviolenza La Nara, Fondazione Il Cuore si scioglie e sezione soci Coop di Prato intendono portare l’attenzione sul fenomeno della violenza assistita, che colpisce i bambini che vivono situazioni di soprusi in famiglia. Costretti a lasciare la propria casa quando si configura il rischio per le mamme e per loro stessi, i più piccoli rischiano di sviluppare la percezione che sia normale subire violenze o disprezzo nelle relazioni affettive, quindi vengono compromessi nel loro modo di guardare al mondo e relazionarvisi e hanno maggiori probabilità di diventare adulti sofferenti e confusi nelle relazioni con i loro partner, con danni importanti lesivi per loro stessi e per le loro relazioni interpersonali.

Scopri di più sul progetto

“Con GiocaNara – spiega Francesca Ranaldi, responsabile del Centro La Nara – interveniamo su bambini e bambine vittime di violenza assistita ospitati nella Casa Rifugio dove vengono accolti in emergenza e presso la Casa di Seconda Accoglienza (Casa di Elisa, in memoria di Elisa Amato) che li ospita nel momento in cui il nucleo non presenta più alto rischio per intraprendere un percorso di reinserimento abitativo, lavorativo e socio-culturale. A loro proponiamo un nuovo spazio e tempo di gioco e di relazione con le educatrici. Ma insieme alla Fondazione Il Cuore si scioglie e Pensati con il cuore vogliamo anche favorire la competenza genitoriale delle madri verso i propri bambini coinvolti in percorsi di violenza, ad esempio trasmettendo tecniche di gioco o di lettura animata, per aiutare le donne a relazionarsi con i figli”.

Conferenza stampa di presenza del progetto Giocanara

“Permettere a madri e bambini di ritrovare la normalità, dopo essersi salvati da una situazione di violenza. Attraverso il progetto di crowdfunding raccoglieremo fondi per promuovere attività di gioco e di supporto scolastico per i bambini e un supporto per le madri – racconta Fiorella Astori, presidente sezione soci Coop di Prato – ma intendiamo anche far conoscere alla città le attività del Centro La Nara e sensibiizzare sul tema della violenza intrafamiliare”.

“Con Giocanara si dà il via ad un progetto importante che ha come obiettivo quello di sostenere bambine e bambini vittime di violenza assistita e le loro mamme. Accoglierli e proteggerli non è certamente un “gioco”, la violenza subita mette a richio la loro crescita e lascia segni che possono avere conseguenze molto gravi. Questo progetto offre un supporto importante per loro e per le loro mamme, rafforzando ulteriormente una rete di aiuto che la nostra città ha da anni. Anche per questo ringrazio il Centro Antiviolenza la Nara, la Fondazione Il cuore si scioglie e la sezione soci Coop di Prato che lo hanno  reso possibile” afferma Ilaria Santi, assessore Pubblica Istruzione, Pari opportunità e memoria del Comune di Prato.

“Giocanara è uno dei progetti della quarta edizione di Pensati con il cuore. La formula del crowdfunding su Eppela, che permette di raccogliere fondi online e offline, si è rivelata di successo, sia per le cifre raccolta finora – tutti i progetti hanno raggiunto l’obiettivo – sia per l’ampissima partecipazione alle iniziative di sostegno ai progetti. Non solo, attraverso Pensati con il cuore la Fondazione Il Cuore si scioglie e le sezioni soci hanno sviluppato una rete solidale” conclude Daniele Lanini, responsabile progetti di crowdfunding per la Fondazione Il Cuore si scioglie.

Pranzo di solidarietà e aperitivo al Parco*Prato

Il prossimo appuntamento per contribuire a realizzare il progetto GiocaNara è il pranzo di solidarietà nella galleria del Coop.fi del Parco*Prato, via delle Pleiadi di domenica 9 febbraio, ore 13.30, che vedrà anche la collaborazione dei dipendenti del supermercato.

Costo 15 euro, prenotazioni entro il 6 febbraio alla sezione soci o al Centro La Nara, 0574.34472 o lanara@alicecoop.it.

Il 26 febbraio si replica con un aperitivo a sostegno del progetto, alle 20, sempre nella galleria del Parco*Prato. Costo 10 euro, prenotazioni entro il 22 febbraio ai numeri sopra indicati.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti