Pensati con il Cuore arriva ad Agliana per sostenere le donne

Oggi la presentazione della campagna di raccolta fondi Femminile Plurale

Nell’ambito dei progetti Pensati con il cuore, la campagna di crowdfunding della Fondazione Il Cuore si scioglie, la sezione soci Coop Agliana collabora con l’associazione PortaAperta per potenziare lo spazio donna con corsi di formazione sugli strumenti digitali. Utenti del progetto sono infatti le donne accolte nella casa di accoglienza Ivana  Bardi  e  tutte  quelle  accolte  nei  progetti dell’associazione, che  sentono  la  necessità  di intraprendere  un  percorso  di  autonomia  e  realizzazione  personale. Il progetto si chiama Femminile Plurale.

Pensati con il Cuore è la campagna di raccolta fondi della Fondazione Il Cuore si scioglie, nata per sostenere i progetti delle associazioni del territorio. Il meccanismo è quello di coinvolgere e sensibilizzare le persone, facendo conoscere le realtà locali impegnate nella solidarietà e invitando a dare un contributo per la realizzazione di piccoli e grandi sogni. Una volta arrivati a metà della cifra necessaria, la Fondazione Il Cuore si scioglie raddoppia l’importo per centrare l’obiettivo.

Si può contribuire:

  • su Eppela
  • partecipando alle iniziative promosse dalla sezione soci Coop. 
  • Una novità importante dell’edizione 2021 è rappresentata dalla possibilità di sostenere i progetti attraverso l’acquisto di un prodotto del territorio, che sarà segnalato nei punti vendita Coop.fi. Il prodotto locale che sostiene il progetto sono i Pici toscani Chelucci. 

I prossimi eventi di racolta fondi sono l’apericena presso l’Oratorio Don Milani il 10 ottobre (in allegato) e la cena presso il Circolo Oscar Romero a Santomato il 21 ottobre. 

“Creeremo uno spazio attrezzato per l’alfabetizzazione digitale che andrà ad aumentare i servizi offerti dallo Spazio Donna, nato come luogo dove le donne si incontrano, parlano, si aiutano e apprendono nuove competenze. Competenze, quelle digitali, che nel mondo distanziato dalla pandemia da Covid-19 sono fondamentali per l’autonomia personale. Imparare ad usare il computer, avendo accesso ai servizi digitali, oggi vuol dire fare un passo verso l’inclusione sociale e riprendersi la propria vita – spiegano dall’associazione PortAperta — Inoltre, tramite il progetto, vogliamo creare nel territorio aglianese uno spazio di comunità protetto per le donne che presentano fragilità dovute alla condizione familiare e personale, uno spazio di socializzazione e condivisione che possa, anche, evitare il rischio di solitudine ed emarginazione, non solo delle donne, ma di tutto il nucleo familiare”.

“Sosteniamo questo progetto di crowdfunding che mette al centro le donne perché in questo modo vogliamo dare un orizzonte nuovo a coloro che stanno percorrendo un cammino difficile, contribuendo ad aiutarle a guardare lontano – afferma la presidente della sezione soci Coop Agliana Bice Maria Bini – Lo vogliamo fare finanziando un laboratorio finalizzato a fornire alle donne competenze digitali utili per una crescita personale e professionale e per fare questo abbiamo bisogno del contributo di tutti. L’invito quindi è a donare e partecipare alla raccolta fondi”.  

“Riteniamo che questo progetto sia molto importante e per questo siamo stati felici, come Comune, di dare il nostro patrocinio. Condividiamo infatti l’obiettivo di aiutare le donne che spesso si trovano in difficoltà, dando loro un luogo e uno strumento per integrarsi. Questo progetto inolre mira a dare autonomia alle donne e a far sì che possano, con le competenze acquisite, anche fare qualcoa di utile per la famiglia, pensiamo solo per fare un esempio all’iscrizione dei bambini a scuola o alla mensa. Infine, pensiamo che questo sia un modo per le donne per realizzarsi, per essere più libere e informate” afferma Greta Avvanzo, assessore al Sociale di Agliana

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti