Bagno a Ripoli: Unicoop Firenze con Nessuno indietro sostiene il progetto di La Lanterna

Cooperativa e Fondazione Il Cuore si scioglie in campo per contrastare le disuguaglianze e contribuire a ridurre povertà e disagio.

Oltre 1,35 milioni di euro. È la cifra che Unicoop Firenze e Fondazione Il Cuore si scioglie hanno messo a disposizione dei toscani più fragili nell’ambito del bando Nessuno Indietro, fra finanziamento diretto di progetti delle associazioni sul territorio e raddoppi della raccolta alimentare e scolastica, che hanno coinvolto anche soci e clienti.

Di questi, 1.029.000 euro sostengono le associazioni di volontariato che aiutano quanti affrontano povertà, disabilità, disagio giovanile e violenza di genere. Sono 121 i progetti finanziati in tutte le province su cui opera la cooperativa.

Bagno a Ripoli, Unicoop Firenze finanzia il progetto proposto Associazione di Promozione Sociale La Lanterna.

L’associazione da anni organizza centri estivi e progetti vari durante l’anno per minori con disabilità. Nel 2020, a causa del Covid,  ha visto lievitare le spese: sono stati organizzati i centri estivi, ma con un impegno economico non indifferente, viste le misure di sicurezza richieste dalle linee guida. Il contributo di Unicoop Firenze servirà quindi per il pagamento degli operatori e per ripartire con le attività.

I ragazzi con disabilità sono fra i soggetti più colpiti dall’emergenza: in poco tempo hanno visto cambiare la loro quotidianità – spiega Patrizio Burgassi, presidente sezione soci Coop di Bagno a Ripoli– Grazie al bando Nessuno Indietro di Unicoop Firenze riusciamo a sostenere progetti mirati e locali, come quello di La Lanterna, che rimettono al centro la disabilità, con interventi per aiutare i soggetti e le famiglie a superare questo momento di forte criticità. Ma Nessuno Indietro ci dà anche l’occasione per fare rete sul territorio con le associazioni di volontariato e insieme impegnarci per non lasciare indietro nessuno”.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti