Tutti a cena per l’Ucraina

Giovedì 21 luglio, alle ore 20, a Villa Pettini, a Montevarchi, cena di solidarietà per i cittadini ucraini fuggiti dalla guerra e ospitati dalla Fondazione Giovanni Paolo II

Giovedì 21 luglio, alle ore 20, presso Villa Pettini, in via di Monsorbi 25, a Montevarchi sarà possibile partecipare a una cena di solidarietà e fare un gesto concreto per aiutare gli amici dell’Ucraina fuggiti dalla guerra e ospitati dalla Fondazione Giovanni Paolo II.

L’evento è reso possibile grazie al contributo delle sezioni soci Coop di Montevarchi e di San Giovanni Valdarno, con il patrocinio dei Comuni di Montevarchi e di San Giovanni Valdarno e in collaborazione con Qoelet srl impresa sociale e l’Associazione Punto Famiglia Villa Pettini.

La cena è organizzata proprio dalla Fondazione Giovanni Paolo II, per raccogliere i fondi necessari a sostenere l’accoglienza degli amici Ucraini ospitati a Fiesole, presso la casa dei Padri Rogazionisti e a Montevarchi in una casa messa a disposizione dalle Suore Agostiniane. Alcuni di loro rientrano nel progetto di aiuto per l’Ucraina supportato in parte dalle Prefetture, ma altri no. Di fronte al dramma della guerra e di tante persone che hanno lasciato case e città distrutte, soprattutto mamme con bambini, la Fondazione Giovanni Paolo II, da venticinque anni presente in Medio Oriente con molti progetti, ha deciso di accogliere e aiutare nell’inserimento nella nostra comunità toscana quanti hanno lasciato l’Ucraina a causa della guerra.

Le sezioni soci di Montevarchi e San Giovanni Valdarno hanno offerto i prodotti necessari per preparare la cena, che saranno cucinati, gratuitamente, dall’impresa sociale Qoelet srl che gestisce Mensa sociale Pane e vino.

In questi mesi l’accoglienza è stata realizzata grazie a tante donazioni di privati, associazioni ed Enti, che hanno permesso non solo il sostentamento, ma anche e soprattutto l’inserimento di queste persone, soprattutto dei bambini e delle bambine, nel tessuto della nostra comunità toscana, ed è proprio sull’inclusione e sulla condivisione che si basa il modello di accoglienza della Fondazione.

La cena servirà a raccogliere fondi per questo progetto di accoglienza che vede coinvolte, oltre alla Fondazione Giovanni Paolo II anche altre associazioni di volontariato. Tutto il ricavato della cena andrà interamente a sostegno del progetto.

Come partecipare

Richiesto un contributo di 20 euro per gli adulti, 15 euro ragazzi dagli 11 ai 18 anni; gratuita per i bambini fino a 10 anni. È gradita la prenotazione da effettuarsi entro il 18 luglio. L’iniziativa si svolgerà nel rispetto della normativa anticovid vigente.

Prenotarsi e informazioni: Stefano Ermini 3294921036, oppure scrivere una e-mail a s.ermini@fondazionegiovannipaolo.org, responsabile per la Fondazione Giovanni Paolo II dell’accoglienza della popolazione ucraina.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti