Stop allo spreco

Nel 2018 oltre 2 milioni di euro di generi alimentari a oltre 100 associazioni onlus grazie al progetto Buon Fine

Oggi 5 febbraio la Giornata nazionale contro lo spreco alimentare, un tema su cui Unicoop Firenze è impegnata da anni.

Consumo sostenibile

Un impegno che si è rinnovato anche a inizio 2019 con la pubblicazione della Guida all’Ecologia Quotidiana, che, nel capitolo sul Consumo sostenibile, dà indicazioni su come evitare di sprecare a casa. Attenzione alle scadenze e, per quanto riguarda il frigo first in, first out, vale a dire quello che entra prima ed è più vecchio deve uscire per primo ed essere consumato più velocemente, sono le regole d’oro per non sprecare. Unite all’arte culinaria che fa di necessità virtù con le ricette a base di avanzi.

Le eccedenze alimentari in solidarietà: il progetto Buon Fine

Ma oltre a stimolare soci e consumatori verso una maggiore attenzione a conservare correttamente e non buttare via il cibo, Unicoop Firenze da 15 anni aderisce al progetto nazionale Buon Fine per la donazione solidale delle eccedenze alimentari, con finalità di contrasto alla povertà e tutela ambientale. Nel 2018 il progetto ha coinvolto 73 negozi Coop.Fi e ha permesso di donare a oltre 100 associazioni di volontariato del territorio prodotti alimentari per un valore di 2.245.307 euro, di cui 260mila euro di prodotti freschi provenienti dai reparti rosticceria e gastronomia.

I prodotti destinati al Buon Fine, perfettamente integri dal punto di vista nutrizionale e igienico, ma ritirati dalla vendita perché non più conformi alla presentazione commerciale, sono raccolti e conservati in base a precise Linee Guida, in modo che possano essere ceduti a titolo gratuito a organizzazioni no profit attive nel sociale che li utilizzano per realizzare pasti o pacchi spesa.

Unicoop Firenze dal 2007 ha affiancato al recupero di generi alimentari industriali e non alimentari quello dei prodotti freschi e freschissimi (prossimi alla scadenza, ma ancora validi) da destinare alle mense solidali e dal 2013 è partito in alcuni punti vendita il progetto della cessione di prodotti cotti del reparto gastronomia e rosticceria con l’obiettivo di destinare alcuni di questi alimenti, quelli più facilmente rigenerabili, come lasagne, cannelloni, pollo e verdure cotte, alle associazioni di volontariato, che le utilizzano per i pasti nelle mense aperte alle persone bisognose del territorio.

Ad oggi la tipologia dei prodotti raccolti spazia dagli alimentari duri (come scatolame, salse, bibite…) ai freschi e freschissimi, come carni (soprattutto avicunicole), ortofrutta, salumi e latticini a libero servizio fino a quelli della forneria e della gastronomia e rosticceria.

I consigli dello chef Fabio Picchi del Cibreo di Firenze

Meno spreco, più risorse

Il sito dedicato all’ecologia quotidiana

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti