Stoner

Stoner

Autore John Williams

Casa editrice Fazi

Pagine 332

La valutazione del Circolo

Che emozione ci ha lasciato il libro?

Circolo di lettura sezione soci Coop Sesto Fiorentino - Calenzano

In collaborazione con Circolo di lettura sezione soci Coop Sesto Fiorentino - Calenzano

I Circoli di lettura sono una comunità di lettori che si ritrovano, una volta al mese, per scambiarsi opinioni e sensazioni su un libro la cui lettura, individuale, è stata decisa di comune accordo.

Trama

Il libro parla della vita di un uomo, William Stoner, dalla sua giovinezza fino alla morte. Stoner nasce in una fattoria nel 1891 da una famiglia povera del Missouri ed inizia a lavorare nel terreno del padre.

Nel 1910 si iscrive alla facoltà di agraria dell’Università del Missouri, ma senza comunicarlo ai genitori finisce per appassionarsi alla letteratura e a conclusione dei suoi studi diventa insegnante alla sua stessa Università. Si sposa con Edith, dalla quale ha la figlia Grace, ma il loro matrimonio diventa infelice e contrastato.

Dopo vari anni si innamora di una giovane studiosa conosciuta in un corso, ma la loro relazione, che inizialmente i due riescono a mantenere nascosta, viene scoperta e scatena uno scandalo all’interno dell’Università. Stoner è perciò costretto a lasciare la compagna per proseguire la sua carriera universitaria, senza successi né promozioni, ostacolata per venticinque anni dal suo capo di dipartimento. Muore nel 1956, all’età di sessantacinque anni.

La citazione degna di nota

L’amore per la letteratura, per il linguaggio, per il mistero della mente e del cuore che si rivelano in quella minuta, strana e imprevedibile combinazione di lettere e parole, di neri e gelidi caratteri stampati sulla carta, l’amore che aveva sempre nascosto come se fosse illecito e pericoloso, cominciò a esprimersi dapprima in modo incerto, poi con coraggio sempre maggiore. Infine con orgoglio.

Le nostre riflessioni

Il protagonista non ha nulla di attrattivo. La sua vita è ordinaria, piatta, con rapporti affettivi nulli e freddi, non si lascia mai andare sentimentalmente. Allo stesso tempo, alla fine della lettura del libro finisce, ti rendi conto che potrebbe essere la vita di ciascuno di noi, scritta in modo semplice, senza slanci, ma in modo efficacemente duro e veritiero.
E’ un libro inusuale, senza eroi, senza colpi di scena. Ma alla fine, siamo noi che sentiamo il bisogno di eroi, proprio per rendere la nostra vita meno ordinaria.

Lo consigliamo a...

Non è un romanzo per tutti, ma per chi ama la letteratura, le storie intense e sa andare oltre l’apparenza e leggere tra le righe questo libro potrà essere davvero un viaggio incredibile.

Le parole chiave del libro

vita

morte

sentimenti

insegnamento

rassegnazione

letteratura

esistenza