Feste in linea

I consigli della nutrizionista Emma Balsimelli per trascorrere le feste con gusto mangiando in modo giusto

Qualche compromesso e un po’ di buon senso aiutano a evitare il cambio taglia dopo il 6 gennaio. Parola all’esperta nutrizionista Emma Balsimelli che ci dà qualche spunto semplice ma efficace per mangiare bene ma “giusto” e con gusto.

Solo i giorni di festa

«Partiamo dalle cose facili: le vere feste sono Natale, Santo Stefano, Capodanno e l’Epifania e non l’intero periodo dal 24 dicembre al 6 gennaio. Per cui consiglio di limitare qualche eccesso ai veri giorni di festa e di tornare al normale piano alimentare nei giorni tra una festa e l’altra.

Il bis solo a teatro

Da evitare per quanto possibile il bis: il cibo è gioia e nutrimento. Ingozzarsi non serve, fa sentire stanchi, assonnati, svogliati e, in fondo, più nervosi. Le feste sono la più bella occasione per stare insieme alle persone care e lo spirito non va rovinato per un piatto o un bicchiere di troppo.

Non saltare i pasti

La colazione che precede il pranzo non va saltata, perché si arriverebbe al pranzo con troppa fame e lo stesso vale per il cenone: il pranzo non va saltato ma dev’essere leggero ed equilibrato. Anzi, sarebbe meglio stuzzicarsi con aperitivi e antipasti di verdure crude che iniziano a riempire lo stomaco facilitando la stimolazione del senso di sazietà. Infatti, che a prescindere da cosa si mangia, questa insorge dopo 20 minuti dall’inizio del pasto.

Mai saltare i pasti i giorni successivi a Natale e Santo Stefano, Capodanno ed Epifania: la buona regola è quella di una colazione leggera senza mai saltare il pranzo. Per purificarsi un po’ si può saltare una cena facendo un piccolo digiuno che aiuta a eliminare tossine.

Concediamoci una fetta di panettone o un dolcetto a merenda anziché come dopo pasto.

Lentamente e con gusto: a questo ritmo si potranno assaporare meglio le delizie delle feste natalizie e la sazietà eviterà abbuffate di cui pentirsi!

Sano movimento

Un po’ di movimento è una sana regola da seguire sempre. Basta una passeggiata di mezz’ora andare a pattinare, insomma qualsiasi cosa dia anche un po’ di piacere.

Occhio alla frutta secca

Che sia un alimento con tante caratteristiche positive non c’è dubbio, ma dal punto di vista calorico è una vera e propria bomba (50 g valgono circa 350 kcal!). Meglio inserirla come spuntino e non a fine pranzo; se la spizzichi fra una chiacchiera e l’altra rischi davvero un surplus di calorie.

E l’alcol?

Sgarrare in questi giorni è davvero facile fra vino e spumante senza contare il bicchierino di superalcolico. Occorre una certa moderazione: un bicchiere di vino apporta, a seconda della gradazione, dalle 80 alle 110 calorie; anche per gli spumanti si va dalle 70 alle 95 kcal. Per comporre i dolci, meglio utilizzare succo di arancia o di mandarino.

L’ultima regola, da imparare a memoria come la prima e la più saggia: non si ingrassa da Natale a Capodanno, ma da Capodanno a Natale!»

—————————-

Sfizi con misura. Le indicazioni della nutrizionista

Biscotti di zenzero – Un gingerbread piccolo? Conta ben 50 kcal. Per bruciarne tre occorre salire e scendere le scale di casa per circa venti minuti a passo sostenuto.

Fichi secchi e datteri – Fichi secchi contro datteri: hanno la stessa quantità di magnesio (700 mg/100 g), ma stravince il fico secco che contiene più calcio (160 mg ) e più ferro (2 mg ) del dattero. Perfetti a colazione prima di una sciata o di una camminata!

Marzapane – 40 grammi di marzapane equivalgono a 20 grammi di mandorle e contengono 6 grammi di acidi grassi omega 6. La metà del fabbisogno giornaliero medio di questo prezioso nutriente che fa bene a pelle, ossa e capelli. Quindi, uno è concesso.

Panettone – 120 g di panettone sono pari a 20 tortellini in brodo, entrambi hanno circa 400 kcal. Occorre fare una scelta: una bella fetta di dolce o un primo piatto? Oppure dimezzare le porzioni per concederseli entrambi.

Panforte – Un panforte intero contiene circa 150 g di miele, un alimento che riattiva la produzione di testosterone aumentando la libido grazie a un prezioso minerale come il boro. Quindi, promosso! Ma solo un quadratino!

Torrone al cioccolato con una mandorla – Non eliminarlo. Concesso un pezzetto anche tutti i giorni. Il cacao e le mandorle sono ricchi di magnesio (rispettivamente 500 mg e 160 per 100 g) e stimolano il rilascio di serotonina, l’ormone del buonumore.

Pandoro – Un buon trucco è sostituire la classica crema al mascarpone sul pandoro con una più leggera crema di yogurt

Vin brulè – Un bicchiere di vin brûlé (con zucchero, cannella, chiodi di garofano) ha 100 calorie che si smaltiscono con 10 minuti di discesa con gli sci o 10 minuti di ciaspolata in salita. Ma prima di buttarsi sulle piste aspettate una mezz’ora per smaltire l’alcol!

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti