Cure da cavalli

Il massaggio shiatzu per ridurre i malanni degli esemplari più anziani

In Asia il cavallo affianca l’uomo da circa cinquemila anni, mentre in Europa la collaborazione è iniziata due millenni più tardi. Una convivenza fatta di complicità, ma anche sfruttamento. Per fortuna, oggigiorno, le doti di questo bellissimo animale godono di maggior rispetto e sono sempre più numerosi i “santuari” (sono chiamati così oasi e rifugi per animali perché custodiscono qualcosa di prezioso, cioè la loro vita, ndr) che ospitano cavalli da corsa a fine carriera o vittime di maltrattamenti.

Abbiamo incontrato Douglas Gattini, che da tempo mette al servizio di questi animali la sua professionalità. Di origini cilene, dal 1970 è impegnato nel campo delle discipline bionaturali, dello yoga e della naturopatia. Ha fondato la Federazione Italiana Shiatsu e da oltre 10 anni la scuola che dirige a Milano, Shambàla Shiatsu. Collabora con l’Istituto Nazionale dei Tumori e applica le sue conoscenze anche nella cura dei cavalli.

«Gli animali, come gli umani, hanno i meridiani dell’agopuntura tradizionale cinese – spiega Douglas Gattini -; per questa ragione è possibile trattarli allo stesso modo. Nel caso dei cavalli, il nostro intervento è svolto in collaborazione con il veterinario, che prima spiega la condizione di ogni singolo individuo».

Ogni trattamento è seguito da un verbale che consente di verificare i miglioramenti del paziente ed è utile anche per raccogliere dati per fare ricerca. Le discipline bionaturali non si sostituiscono alla medicina tradizionale, ma servono per migliorare il terreno di base sul quale operare e aiutano il soggetto, uomo o animale, a sentirsi meglio.

«Per esempio – aggiunge Gattini -, se il dolore è a una zampa, lavoriamo sul meridiano che si dirama in tutto il corpo. I testi antichi cinesi riconoscono da tremila anni che ci sono canali energetici che collegano la parte fisica a quella mentale».

Molti dei cavalli di cui si occupa Gattini sono ospiti del Dark Horse Sanctuary, che si trova vicino a Piacenza, un luogo speciale dove quelli maltrattati, destinati al macello o a fine carriera, trovano ospitalità. Attraverso le cure, un percorso riabilitativo e molto amore, trovano finalmente un po’ di serenità. Ed è proprio in questo centro che i fotografi Andrea Lavaria e Luisa Raimondi stanno lavorando a un progetto per dare un sostegno alla responsabile Anita Casabuona e a suo marito Gianluca Meroni.

«Ero andato al santuario per documentare le attività di Douglas sui cavalli – racconta Lavaria -, perché da tempo seguo il suo lavoro e volevo far conoscere lo shiatzu applicato in ambito veterinario. Poi mi sono innamorato di queste creature e ho sentito il bisogno di fare di più. Ho chiesto a Luisa Raimondi di portare avanti questo lavoro insieme, perché la sua sensibilità sarebbe stata di grande aiuto. Dopo i primi sopralluoghi abbiamo iniziato a fotografare».

Lo shiatsu (dal giapponese shi, dito, e atsu, pressione) si esercita sui cavalli attraverso pressioni con palmi, dita e pollici. Insieme a rotazioni e stretching degli arti, del collo e della coda, si facilita la circolazione del sangue, il movimento dei fluidi linfatici e l’attivazione del sistema nervoso autonomo, stimolando il ripristino di uno stato di vitalità e benessere. In generale lo shiatsu è utile per rilassare la muscolatura, sciogliere le articolazioni, migliorare la flessibilità dei tessuti e ridurre le rigidità.

«Vedere gli animali stare meglio – conclude Douglas – è una grande gioia, ricordo con molta tenerezza la storia di Tyson, un vecchietto pieno di artrosi, che abbiamo trattato, per alleviare il dolore, fino alla fine dei suoi giorni, o anche la figlia di Varenne (noto campione delle corse, ndr), che aveva la schiena incurvata dal peso. Spesso i cavalli che arrivano al santuario sono scheletri senza dignità, con lo shiatsu restituiamo loro la voglia di vivere».

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti