Il libro della Vita

Fino al 22 maggio la rassegna letteraria promossa dal Comune di Scandicci con importanti ospiti del mondo della cultura, della scienza, dello sport

Prosegue fino al 22 maggio il “IL Libro della Vita“, il ciclo promosso dal Comune di Scandicci in cui ospiti provenienti da vari mondi della cultura, della scienza, dello sport raccontano il libro che gli ha cambiato la vita. 

L’edizione 2022 presenta alcune importanti novità. Innanzi tutto a partire dagli spazi. Non più nell’Auditorium in piazzale della Resistenza, attualmente Hub vaccinale del territorio, ma diffuso in città tra il Teatro Aurora e il Teatro Studio Mila Pieralli

L’Assessore alla Cultura del Comune di Scandicci, Claudia Sereni: “Avevamo tutti bisogno di ripartire con vero entusiasmo. Così abbiamo costruito un calendario di ospiti che potesse introdurci a linguaggi, visioni, letture che sappiamo parlarci di oggi. Iniziare con lo sguardo sul mondo, sugli alberi e la Natura di Stefano Mancuso e con la testimonianza vivissima dell’impegno sociale di Don Luigi Ciotti ci darà lo slancio giusto per questa ottava edizione, fatta di incontri davvero speciali”.

Tra le novità di questo anno, ci sarà la necessità di prenotazione, utilizzando il portale gratuito del Comune Scandicci.ticka.it.

La formula sarà sempre la stessa: la domenica, alle 11.00, un personaggio e il libro che gli ha cambiato la vita.

I prossimi appuntamenti

Domenica 27 febbraio, per la Settimana della legalità, al Teatro Studio Mila Pieralli, Margherita Asta, attivista di Libera, sopravvissuta ad una strage che aveva come bersaglio il giudice Palermo ma che per errore colpì sua madre ed i sui due  fratellini. Oggi Margherita combatte la mafia raccontando la storia di quelle vittime innocenti e lo fa anche parlando del libro che ha scritto con Michela Gargiulo dal titolo “Sola con te in un futuro aprile“. 

Domenica 13 marzo al Teatro Studio Mila Pieralli, Roberto Bianchi, professore associato di Storia contemporanea all’Università di Firenze parla de “Il Diciannovismo”, di Pietro Nenni. 

Il 27 marzo, sempre al Teatro Studio Mila Pieralli, Stefano Bottoni, ricercatore in Storia dell’Europa orientale all’Università di Firenze, dove insegna anche Storia globale, parlerà di  di Sándor Marai, e del suo “Il sangue di San Gennaro”.

Raffaele Palumbo, introdurrà gli ospiti de “Il Libro della Vita”

Grazia Francescato il 10 aprile con il libro dal quale è partito il suo attivismo di tutta la vita: Vandana Shiva, Staying alive: Women, Ecology and Survival in India. Il 24 aprile Padre Alberto Bormolini, guida della comunità dei Ricostruttori nella preghiera, noto ai più per essere stato guida spirituale ed amico di Franco Battiato, parlerà del suo testo fondamentale, Gandhi, “Pensieri“, nell’edizione del 1961 pubblicato da La Locusta.

Infine, due appuntamenti in programma ma in via di definizione: il 22 maggioEike Schmidt e una delle altre domeniche di maggio Giovanna Botteri.

Alcuni incontri in programma (Mancuso, Asta e Bottoni) avranno un servizio di traduzione simultanea nella Lingua dei Segni Italiana (LIS), grazie alla collaborazione con l’Associazione Comunico.

Gli ospiti de Il Libro della Vita saranno introdotti da Raffaele Palumbo, giornalista, scrittore ed ideatore della rassegna.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Prenotazioni su Scandicci.ticka.it

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti