Una storia a lieto fine

Francesco e la sua passione per i giochi ed i Lego

Ieri era la Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo, oggi vi raccontiamo una storia a lieto per capire quanto sia importante sensibilizzare su questo tema.

Il protagonista è Francesco, ragazzino con un disturbo dello spettro autistico, con una passione per i giochi e in particolare i Lego. La storia accade nel negozio Coop.Fi di Sesto Fiorentino, via Petrosa, ma poteva accadere dovunque.

Tutto è successo alcuni giorni fa quando alcuni clienti del punto vendita hanno visto Francesco prendere una bustina di Lego e mettersela in tasca. Francesco, che in quel momento era andato nel suo reparto preferito, viene aggredito verbalmente da più persone, fino a quando interviene in suo soccorso suo padre che sempre lo accompagna, e ogni volta a fine spesa si accerta che il figlio non abbia preso niente. Ma l’aggressione sconvolge Francesco, che rimane traumatizzato nei giorni successivi.

La vicenda ci è stata segnalata dalla sua insegnante di sostegno, che conosce bene le sue difficoltà e quanto un’esperienza del genere possa ostacolare il suo percorso verso l’autonomia. Così, ieri pomeriggio, Unicoop Firenze ha invitato Francesco e suo padre a tornare in negozio per manifestare loro la propria vicinanza e solidarietà.

Francesco alla fine ha ricevuto in dono il suo Lego da parte della Cooperativa, che proprio ieri nel punto vendita di Firenze Ponte a Greve ha sperimentato delle azioni rendere i nostri negozi a misura di persone affette da disturbi dello spettro autistico.

Una storia a lieto fine, ma anche la dimostrazione che ciascuno di noi può davvero fare la propria parte.

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti