Carciofi dalla Tunisia

Mi chiedo quali cataclismi (gelate, nevicate, alluvioni o quant’altro) abbiano colpito le campagne e le serre italiane negli ultimi mesi, per indurvi a far trovare nei banchi dei vostri punti vendita solo carciofi provenienti dalla Tunisia (anche se nel cartello del prezzo è indicato Egitto), a differenza di quanto avveniva negli anni scorsi quando, in questo stesso periodo, si trovavano consistenti quantità di questo ortaggio, non ancora toscano, ma proveniente da Puglia, Sicilia o Sardegna.

I pochi carciofi di provenienza italiana presenti erano quelli già puliti che io mi rifiuto di utilizzare. Forse si approfitta del fatto che la maggior parte delle persone non controlla la provenienza (scritta a caratteri piccolissimi nel cartellino attaccato ai mazzi dei carciofi), dando per scontato che un prodotto di questo tipo, in piena stagione produttiva, sia necessariamente di produzione italiana.

Giovanna G. – Colle di Val d’Elsa

il tema della provenienza dei prodotti ortofrutticoli è importantissimo per la nostra Cooperativa. Come ricorderanno i nostri soci lo scorso anno e quello precedente sui banchi dei Coop.fi si trovavano esclusivamente carciofi italiani perché la disponibilità del prodotto nazionale era talmente ampia da soddisfare la richiesta.

La nostra strategia non è cambiata, anzi pone la produzione locale al primo posto quando disponibile, poi quella italiana e solo quando non disponibile, nei momenti cosiddetti di “contro stagione”, il ricorso a produzioni estere, sempre comunque attraverso canali noti e certificati, con controlli serrati della filiera.

Nel caso specifico dei carciofi, durante il mese di gennaio gran parte delle coltivazioni sarde, che sono in campo aperto e non in serra, hanno subito gelate che ne hanno compromesso il raccolto. Senza la produzione sarda, siamo ricorsi a prodotti siciliani e pugliesi e siamo riusciti a garantire prodotti 100% italiani per alcune settimane. Il prodotto sardo in questo periodo dell’anno risulta più fresco perché si tratta di colture leggermente più tardive rispetto a quelle siciliane, per questo lo preferiamo. Dalla Sardegna abbiamo ricevuto solo i più pregiati cuori di carciofi per i quali abbiamo provato a preparare anche vassoi con 8 pezzi, consapevoli della qualità del prodotto particolarmente tenero.

L’unico modo per soddisfare l’intera richiesta dei nostri soci e clienti è stato quindi ricorrere al prodotto estero. Siamo una cooperativa di consumatori per cui crediamo fermamente nella loro tutela e nella trasparenza della comunicazione, nessun tentativo quindi di nascondere la provenienza dei prodotti.

Per ricevere le notizie ogni settimana
* campi obbligatori

Informativa sulla privacy

Lasciando la tua email autorizzi Unicoop Firenze sc a inviarti la newsletter e dichiari di aver letto l’informativa sulla privacy.