I lettori non si fermano

Gabriele Ametrano, direttore de La Città dei lettori, presenta il festival fiorentino dei libri, che nel 2021 dura tutta l’estate e va in tour

A volte le idee nascono nel modo più inatteso. E così è stato per “La città dei lettori”. Era il 2017 quando, davanti ad un bicchiere, abbiamo deciso di fondare l’Associazione Wimbledon Aps e dar vita ad un percorso che fosse gioia per la nostra voglia di leggere. Gianluca Caputo, architetto, Martina Lazzerini, esperta in moda e comunicazione, e io, Gabriele Ametrano, con qualche anno di esperienza nel mondo editoriale. Appassionati di lettura, volevamo un luogo dove questa nostra passione potesse vivere. Lo abbiamo cercato ma non esisteva qualcosa all’altezza delle nostre aspettative, così, durante una serata, questo luogo lo abbiamo creato.

Sono passati quattro anni e “La città dei lettori” ha superato i confini delle origini portando la sua voglia di coinvolgere nella lettura anche altri Comuni del territorio toscano. Da Villa Bardini a Firenze, cuore di questa nostra iniziativa, fino a Grosseto, Arezzo, Villamagna alle porte di Volterra. E poi ancora nella provincia fiorentina, a Bagno a Ripoli, a Calenzano, a Montelupo Fiorentino, a Pontassieve e a Sesto Fiorentino, nove luoghi in tutto. Nel giro di pochi anni quelli che furono gli aperitivi letterari e poi la prima edizione del festival sono diventati un progetto regionale, che si accompagna ad altri percorsi culturali nati nel corso delle nostre attività.

Quest’anno “La città dei lettori” dichiara che “Leggere cambia tutto”. La lettura ci ha aiutato a guardare nuovi orizzonti e noi, quei tre seduti ad un tavolo, abbiamo deciso di dedicare al nostro progetto proprio questa idea.

In questa quarta edizione, partita il 18 giugno e che proseguirà fino all’11 settembre, porteremo in Toscana più di 100 autori in oltre 60 eventi. Ci accompagneranno Michela Murgia, Roberto Saviano, Franco Arminio, Ilaria Gaspari, Nicola Lagioia, Umberto Galimberti, Francesca Melandri, Carlo Verdone, Laura Imai Messina, i vincitori delle varie sezioni del Premio Strega e gli autori della casa editrice Giunti, che abbiamo deciso di festeggiare per i suoi 180 anni di attività.

Un programma per tutti – che trovate sul sito www.lacittadeilettori.it – e porta con sé un pensiero che da sempre ci contraddistingue: al centro di tutto quello che creiamo ci sono i lettori. Pensiamo ai giovanissimi che coinvolgiamo con “Io leggo!”, il programma per ragazzi curato da Teresa Porcella. Organizziamo le passeggiate letterarie di “Paesaggi letterari”, a cura di Francesca Ciappi e Serena Jaff, unendo le bellezze del territorio alla letteratura. Dedichiamo una mattinata di attività al piacere del firma-copie, con oltre 25 autrici e autori di genere presenti al “Florence Book Party”, curato da Sara Menichetti del blog “Il bello di esser letti”, e da questo anno creeremo un nuovo viaggio nei libri con la “Scuola di lettura”, in cui saranno protagoniste le voci del Novecento.

“La città dei lettori” è da sempre stata pensata per chi ama leggere o vuole riavvicinarsi alla lettura, ma sa anche che nella nostra quotidianità è importante vivere seguendo buone pratiche. L’appuntamento è #plasticfree, rispetta l’ambiente ed è solidale, donando parte della raccolta fondi attiva ad associazioni che operano in settori diversi, come Busajo Onlus e Geca Onlus. «I lettori non si fermano» abbiamo detto nei momenti più difficili. Noi non ci siamo mai fermati.


Alla realizzazione del festival contribuisce anche Unicoop Firenze. I soci che parteciperanno a “Paesaggi letterari”, le passeggiate nel segno di libri e scrittori, riceveranno in omaggio una copia della rivista “La città dei lettori”.

(di Gabriele Ametrano)

Iscriviti alla Newsletter

Le notizie della tua Cooperativa, una volta alla settimana. Guarda un esempio

Potrebbe interessarti